Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Strade provinciali, i sindaci incontrano il ministro Boccia
«Leggi e progetti ci sono, servono soldi per aree interne»

Sulla sp2 e sulla sp4, dopo la mobilitazione degli scorsi giorni, è stato definito il cronoprogramma. «Sono già disponibili quattro milioni di euro, per mettere in sicurezza le due arterie ne servono altri cinque» spiega il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi

Andrea Turco

Finalmente ci sono delle date. Sulle strade provinciali sp2 e sp4, dopo la mobilitazione dei sindaci e della cittadinanza che negli scorsi giorni ha chiesto di migliorare la tragica situazione della viabilità interna dell'area metropolitana di Palermo, il cronoprogramma è definito: a marzo ci sarà l'inizio dei lavori sulla sp2, mentre sulla sp4 entro il 15 dicembre ci sarà la convocazione dei conferenza dei servizi. Nei successivi 15 giorni ci sarà l'acquisizione dei pareri di tutti gli enti coinvolti, per poi trasmettere il decreto alla Regione affinché questo venga finanziato. Verosimilmente per la sp4 i lavori potrebbero cominciare tra giugno e luglio 2020

Tutto ciò è emerso ieri nel corso di un incontro con il ministro degli Affari Regionali e delle autonomie Francesco Boccia, che ha scelto di visitare le zone interne della provincia proprio per conoscerne le criticità. Un'occasione propizia per provare a inchiodare alle proprie responsabilità il governo nazionale,a  distanza di quasi un anno dalla visita dell'ex ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. A illustrare i progetti esecutivi è stato l'ingegnere Salvatore Pampalone, dirigente dell'area tecnica della città metropolitana. «Nel pomeriggio di ieri inoltre c'era stato un incontro presso all'assessorato alle Infrastrutture proprio sulla sp2 e la sp4 - ricorda il sindaco di Corleone Nicolò Nicolosi - Sono già disponibili quattro milioni di euro: per la prima fase ne occorrono oltre nove milioni, ma si è individuato già il percorso per ottenere gli altri cinque milioni aggiuntivi. Verranno effettuati tutti gli interventi necessari per mettere in sicurezza le due strade. Per poi renderle moderne e asfaltate ci vorranno altri dieci milioni di euro. Tuttavia i percorsi sono stati individuati. Rispetto alla biblicità dei tempi passati e ai timori della popolazione questa volta abbiamo date e dati concreti».

L'incontro con il rappresentante del governo nazionale ha lasciato dunque abbastanza soddisfatti i sindaci del comprensorio: ne erano presenti circa una ventina, in un tripudio di fasce tricolori e di piccoli e grandi problemi da risolvere. «Chiaramente la nostra urgenza primaria è quella della viabilità e su questo il ministro Boccia, che si occupa di Affari Regionali e delle autonomie, ha poca competenza» dice il sindaco di Contessa Entellina Leonardo Spera, che era presente anche in qualità di rappresentante dell'Unione dei Comuni del Corleonese. «Comunque il tema è stato toccato, perché si tratta pur sempre di risorse che lo Stato deve destinare attraverso meccanismi come l'autonomia differenziata e il fondo di perequazione strutturale per il Sud, che non può bastare vista le nostre carenze infrastrutturale. A soffrire sono soprattutto le aree interne, al Sud come al Nord». 

A tal proposito Spera ha ricordato a Boccia che «la legge Realacci è rimasta al palo»: approvato due anni fa, il provvedimento sui piccoli borghi (fino a cinquemila abitanti), puntava alla rinascita di oltre 5500 Comuni attraverso una serie di servizi essenziali: dalle strade al recupero dei centri storici, dal collegamento alla banda ultralarga alla tutela dei prodotti a chilometri zero. Era stata definita anche una dotazione complessiva di 100 milioni in tre anni, soldi che però i piccoli borghi non hanno mai visto. «Lo spopolamento delle aree interne non si può arrestare se non applichi misure severe - ammonisce il primo cittadino di Contessa Entellina, che arriva appena a 1742 abitanti - Le misure previste dalla legge Realacci avrebbero consentito uno sviluppo sostenibile. Ma per attivare questo processo servono i soldi. La legge dunque già c'è, sarebbe un segnale importante se si riuscisse a recuperare queste somme». 

Tra gli spunti indicati da Spera c'è anche la nomina di un commissario per la viabilità, così come già suggerito anche dal Comune di Corleone. «L'anno scorso era stato promesso da Toninelli - dice ancora il sindaco -, poi non si è realizzato per via delle incomprensioni con la Regione Siciliana. Non avendo pienamente attivo l'ente intermedio, cioè la città metropolitana che non ha da tempo le piene funzioni, i servizi vanno comunque garantiti. I progetti per le strade ci sono ma non ci sono a quanto pare le risorse per portarli avanti. E allora un commissario straordinario può essere quell'anello di congiunzione tra enti locali, città metropolitana, regione e Stato, per accelerare le pratiche necessarie. L'uguaglianza si può ottenere solo se tratti problemi diversi in modo diverso».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews