Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Ex provincia, indennità e buoni pasto fermi dal 2017
«La crisi dell’ente la pagano i lavoratori e i servizi»

«La situazione al momento è esplosiva», dice il coordinatore delle Rsu e dirigente della Cgil Saverio Cipriano, che annuncia lo stato di agitazione e invoca un incontro urgente con la prefetta Antonella De Miro. «Intanto nel disastro c’è chi costruisce stipendi d’oro»

Silvia Buffa

«La situazione è drammatica, sono tante le cose da denunciare». Non usa mezzi termini Saverio Cipriano, coordinatore delle Rsu e dirigente della Cgil, che restituisce un quadro dell’ex provincia, o almeno di quello che ne resta, in continuo peggioramento. «I dipendenti dell’ex Città metropolitana non prendono dal 2017 né buoni pasto né indennità di risultato, mentre i dirigenti si sono tutti aumentati lo stipendio e le indennità le hanno prese», spiega il sindacalista. Che non nasconde la situazione estremamente difficile che da tempo affronta l’ente. «L’anno scorso non abbiamo nemmeno chiuso il bilancio 2018 - continua -. Il personale è in profonda sofferenza, prendiamo ancora lo stipendio, ma non abbiamo altro e questo va avanti da due anni ormai. Mentre i dirigenti continuano a prendersi le indennità di risultato del 2017, oltre al fatto che guadagnano tutti annualmente intorno ai 130-140mila euro, una cosa oggettivamente indecente se si pensa che nel frattempo l’ente soffre di serie difficoltà finanziarie». Abbiamo tentato di contattare l'ex provincia per una replica, senza esito

I dipendenti chiedono, tra le altre cose, anche il pagamento della performance del 2018, che «per errori dei revisori dei conti non ci vogliono pagare», dice ancora Cipriano. «Non ci crede nessuno, ma adesso siamo davvero oberati di lavoro: ci sono 700 dipendenti rimasti a fare quello che prima facevano ben duemila persone, c’è una certa differenza - spiega ancora -. Un carico di lavoro notevole e anche problemi e rogne da dover gestire, ci sono colleghi che per via di errori banali hanno sulle spalle sanzioni pesantissime da parte della corte dei conti». Malgrado le innegabili difficoltà, si va avanti. «Non possiamo fare altro, il lavoro c’è e lo dobbiamo svolgere: sulle strade si deve intervenire, le scuole da manutentare sono circa 180 e il personale è sempre poco, l’ambiente continua a vivere fasi critiche. Aumenta il lavoro, ma nel frattempo diminuiscono tutele e diritti, la situazione attualmente è drammatica».

Per queste ragioni è stato chiesto un incontro urgente alla prefetta di Palermo Antonella De Miro, nella speranza che lei possa ascoltare le richieste dei dipendenti. «Le segreterie provinciali Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Csa chiedono l'attivazione della procedura di conciliazione prevista dall'articolo 2, comma secondo della legge 146/90 (...) relativamente alla vertenza in corso presso l'ente Città Metropolitana di Palermo concernente il mancato pagamento perfomance anno 2018 ed errata imputazione delle risorse», si legge infatti nella nota inviata all’ufficio della prefetta. Mentre nei giorni scorsi ci sarebbe stato un confronto anche con l’amministrazione comunale, che ha lasciato però parecchio insoddisfatto Cipriano e i colleghi. «Ci dicono “vediamo, vediamo”, ma poi si delega ad altri e non si risolve niente - dice -. Siamo nella terra di nessuno, si è deciso che certe somme che sono stabili sono da trattare come variabili, per questo non possiamo prendere quei soldi che ci spetterebbero per il 2018, abbiamo contestato il revisore dei conti. C’è questa idea della pubblica amministrazione iper garantita, ma non è affatto così. Ho colleghi che ricorrono a prestiti su prestiti. Siamo in balia di questo disastro da cinque anni, molti se ne vanno via. Chi rimane non può esimersi, siamo schiacciati da questa situazione. Così non si può campare».

Oltre al danno, a essere denunciata è anche la beffa. Quella cioè di quei dirigenti dagli stipendi d’oro. «Cosa devono dire loro? La legge glielo consente. Ce ne sono otto in tutto: quattro sono stati nominati capi di prima fascia con conseguente aumento dell’indennità e gli altri quattro hanno assunto la qualità di subcapi - spiega -. Mentre attorno a loro cola tutto a picco. La depressione che ho visto coi miei occhi in questi cinque anni e il decadimento morale di quelle persone cadute nel limbo è l’aspetto più significativo, la storia dell’ex provincia è questa, una storia di decadenza senza fine, ogni giorno peggiora qualcosa. Non vedo più da tempo un collega che sorride. Intanto questo è il lavoro e dobbiamo andare avanti. Ma fino a che non ci sarà una svolta in questo ente non andremo da nessuna parte, mentre altri si prendono i soldi in mezzo al disastro. La situazione dentro l’ente è esplosiva. La crisi economica dell'ente la paghiamo noi e i servizi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews