Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Strade provinciali, una nuova manifestazione a Corleone
«Finora ping pong di competenze tra provincia e regione»

Il neonato comitato cittadino ha convocato un incontro per domenica pomeriggio. Per il dipartimento Infrastrutture l'area metropolitana «ha più di 15 milioni di finanziamenti», ma tarda a presentare i progetti. Col rischio che «non verranno garantiti tutti i soldi»

Andrea Turco

«La burocrazia ferma tutto». Pippo Cardella ne è certo: lo stato disastroso di gran parte delle strade provinciali dipende dal «ping pong di competenze tra provincia e regione che c'è stato finora». Ecco perché il neonato comitato cittadino Vogliamo la strada Corleone/Partinico, di cui Cardella è uno dei promotori, ha indetto una manifestazione per chiedere condizioni dignitose per la sp4 e la sp2. L'incontro si terrà domenica 17 novembre alle ore 18.30 presso il salone Papa Giovanni di Corleone. 

Saranno presenti i sindaci del comprensorio, e l'invito a partecipare è rivolto a tutta la cittadinanza. Dopo la manifestazione dello scorso sabato, partita dal Comune di Contessa Entellina e proseguita lungo la sp21 per documentare lo stato penoso della provinciale, non è da escludere una simile protesta sulle strade anche lungo la sp2 e la sp4.  «Intanto partiamo dalla politica locale - afferma Cardella - Quello che chiediamo è un tavolo tecnico che metta insieme tutti gli enti, dallo Stato alla regione fino alla provincia e ai sindaci più noi come comitato, per superare le divergenze e le difficoltà che durano da anni». Come denunciato dal sindaco di Contessa Entellina Leonardo Spera, l'attuale città metropolitana nel corso del tempo ha dichiarato di non avere a disposizione né le risorse economiche né quelle umane per mandare avanti i progetti esecutivi che la Regione ha in parte finanziato. Una ricostruzione confermata dal dirigente generale del Dipartimento Infrastrutture Fulvio Bellomo.

«Quando la provincia presenterà i progetti sulla sp4 e sulla sp2 allora noi li esamineremo - afferma Bellomo - Ammesso che siano tra quelli finanziati. La provincia di Palermo è molto indietro in questo senso, hanno più di 15 milioni di euro di strade finanziate ma senza progetti. Ora li stiamo aiutando noi attraverso i geni civili e l'ufficio speciale della progettazione. Di fronte le inadempienze finalmente la provincia ha chiesto aiuto alla Regione. Ma non è detto che verranno garantiti tutti i soldi, visto che si tratta di fondi che dovranno essere spesi entro il 2021».

Quel che è certo, in ogni caso, è che insieme allo stallo resta l'inaccessibilità delle provinciali. A preoccupare è anche il forte vento di questi giorni. «Intanto noi a Corleone restiamo isolati - osserva ancora Cardella - Un isolamento che è cominciato dal punto di vista storico con la mafia ma che adesso è politico. Le strade oltre a essere percorribili devono essere rese sicure. Faccio presente che le due provinciali collegano due ospedali: se ad esempio da Partinico si vuole portare, che so, un campione di provette per farle analizzare dal laboratorio di Corleone si deve effettuare il giro da Palermo. Con chilometri in più e costi in più per l'azienda sanitaria. Per non parlare del turismo. Qui da noi le persone vengono per un giorno o due al massimo. Se per esempio qualcuno arriva a San Vito Lo Capo magari un salto a Corleone lo vuole fare, ma con questa viabilità è impossibile. Voglio infine ribadire che noi come comitato non abbiamo appartenenze politiche, vogliamo smuovere le acque».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews