Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Strade provinciali, il grido d'allarme delle aziende
«Coi fornitori ci si incontra sulla Palermo-Sciacca»

Tra costi di trasporto in aumento e prenotazioni annullate, lavorare sulla sp4 è sempre più complicato. Ne è testimone l'eccellenza dei vini Principe di Corleone, messa a dura prova dal «menefreghismo della politica» e dallo «scaribarile delle istituzioni»

Andrea Turco

«O campi o muori, un ci ni futti nenti a nessuno». Il vecchio adagio secondo il quale il dialetto a volte è più efficace dell'italiano torna a farsi sentire nelle parole di Vincenzo Pollara. Dall'entroterra palermitano i suoi vini Principe di Corleone si diffondono nelle tavole regionali e siciliane. Eppure l'amministratore dell'azienda che dà lavoro a una ventina di persone (senza considerare l'indotto che si genera) deve fare i conti ogni giorno con un nemico sempre uguale, ancora più sfiancante perché immobile e immutabile: la sp4, la strada provinciale che collega Corleone a San Cipirello, sulla quale sorgono i 100 ettari della tenuta Pollara. Il maltempo di questi giorni ha poi ulteriormente accentuato il conflitto.

«La conformità geologica del terreno e le condizioni climatiche - si legge nel sito dell'azienda - garantiscono una produzione di altà qualità: la fascia media delle colline, dove è concentrata la maggior parte dei vigneti della tenuta, non è aggredita da nebbie o brinate tardive, mentre il vento frequente mantiene l'aria fresca, pulita e ossigenata durante tutte le stagioni dell'anno». Peccato che poi ogni giorno si debbano fare i conti con la pessima tenuta della sp4: buche continue e interi tratti dissestati (dove l'asfalto è solo un ricordo) la fanno da padrone da anni, senza che nessuno intervenga a tutelare quella che è una vera e propria eccellenza del territorio.

«Eccellenza forse è una parola troppo grande - si schermisce Vincenzo Pollara - Di certo c'è che ci stanno facendo morire, come tutte le aziende che lavorano qui. Ci sentiamo abbandonati. Con questi collegamenti i fornitori già cominciano a dire che non vogliono portarci la merce, e sempre più spesso avviene che propongono di vederci sulla statale Palermo-Sciacca. Inoltre hanno già aumentato le tariffe, perché con queste strade disastrose rompono spesso gli pneumatici, gli ammortizzatori, le sospensioni e capita pure che grazie ai numerosi fossi il carico si ribalta». Il disagio logistico, d'altra parte, è solo uno degli aspetti che chi lavora nell'interno deve affrontare.

«Noi lavoriamo anche con gruppi di turisti, ai quali offriamo un percorso enogastronomico attraverso la degustazione dei nostri vini - continua Pollara - Ma sempre più persone scelgono di rinunciare ai nostri tour, con tutto ciò che ne consegue in termini di mancato lavoro. Le strade infatti non sono neanche in sicurezza: mancano i guard rail, la segnaletica, la manutenzione. Tutto è lasciato all'incuria assoluta. Anche i lavoratori, giustamente, vengono poi a lamentarsi da me tra coppe d'olio che saltano e motori fusi. Io personalmente negli ultimi mesi ho cambiato quattro pneumatici, e faccio notare che ho una jeep». 

Pollara, che fa parte del neonato comitato Vogliamo la strada Corleone-Partinico, punta il dito soprattutto sul «menefreghismo della politica» e sul solito rimpallo di responsabilità da parte delle istituzioni. «È tutto uno scaricabarile - lamenta ancora l'imprenditore - Il Comune dice che è colpa della provincia, la provincia dice che non ha i soldi per fare le indagini geognostiche, la Regione dice che i soldi ci sono ma manca il nulla osta da parte del commissario al dissesto per quanto riguarda le frane che a sua volta fa riferimento al genio civile. Il risultato è che stiamo morendo. E questo lo sanno tutti. Per questo abbiamo fondato il comitato: se le istituzioni non intervengono, o non ce la fanno, cerchiamo di dare noi un contributo civile».

Dopo l'incontro di domenica 17 novembre a Corleone, che ha visto anche la presenza di alcuni sindaci del territorio, questa sera ci sarà un altro appuntamento presso la sala consiliare del Comune di San Giuseppe Jato, dove è sorto un altro comitato locale che si batte per una viabilità dignitosa. All'incontro dovrebbe essere presente anche qualche funzionario della Regione. L'idea è di una nuova manifestazione, da tenersi ancora a Corleone ma che magari possa riversarsi sulle strade provinciali, e con un ulteriore approdo a Palermo

«Non c'è la volontà politica di riscattare il territorio - afferma amareggiato l'imprenditore - Anzi non fornendo nemmeno i servizi essenziali non si dà la possibilità di staccarsi dai propri retaggi. Proprio sulla sp4 sono molti i terreni che sono stati confiscati alla mafia di Corleone e dati alle cooperative sociali che li gestiscono. Per fare però l'antimafia ci vuole il giusto supporto: questi ragazzi che ogni giorno vengono qui a lavorare fanno ancora più difficoltà di noi, pare che ci sia la volontà di non fare funzionare queste aziende. E già molti cominciano a dire che di questo passo dovranno chiudere. È un sistema che blocca ogni possibilità di sviluppo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews