Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Villafrati, l'isolamento totale dentro Villa delle Palme
Tra voglia di normalità e presidi che scarseggiano

I 22 operatori in quarantena nell'Rsa si stanno impegnando per riempire le giornate. «Sono orgogliosa del mio personale», commenta una dirigente della struttura. Ma affidano un grido d'allarme ai sindacati: «Da domani non sanno come reggere il lavoro»

Silvia Buffa

«Stiamo tutti bene». Queste le primissime parole provenienti da Villa delle Palme, la residenza sanitaria assistita di Villafrati, centro d'eccellenza del territorio, che adesso è isolata a causa dell'esplosione di contagi da Covid-19 al suo interno. Al momento, infatti, sono 72 le persone della struttura risultate positive: 50 pazienti residenti e 22 operatori sanitari, di cui 11 villafratesi. Si attende, però, l'esito di altri 12 tamponi, ancora. Sono tutti barricati all'interno, impossibile uscire fuori in quello che, nei giorni scorsi, si è trasformato in una zona rossa, da cui non si può uscire e dove non si può entrare provenendo da altri Comuni. I cittadini sono invitati, ora più che mai, a rimanere chiusi nelle proprie abitazioni. Mentre i dipendenti della residenza sanitaria sono rimasti all'interno della struttura, in quarantena con tutti i pazienti residenti dell'Rsa. E costantemente impegnati a garantire i servizi di sempre agli anziani che si trovano lì. «Sono molto orgogliosa del mio personale», dicono ancora dall'interno della Rsa.

Mentre dall'altra parte del telefono, in sottofondo, si percepisce il brusio di quello che sembrerebbe un televisore acceso e il chiacchiericcio di qualcuno poco distante. Nell'imponente centro che sorge a pochi chilometri di distanza da Palermo, l'intento è quello di provare a riempire il più possibile quel vuoto e quel tempo adesso dilatato causati dall'isolamento totale col mondo esterno. Le visite da parte dei famigliari dei pazienti in residenza erano state inibite già dal 5 marzo. Sono quindi già venti giorni che si cerca di riempire le giornate aggrappandosi a una quotidianità stravolta, ma fino a un certo punto. Sono tante le possibilità che offre, infatti, un posto d'eccellenza come Villa delle Palme. Dal grande giardino esterno, alla palestra, le attività motorie e i laboratori artigianali. «Siamo in costante contatto con la struttura - dicono dall'amministrazione comunale -, gli impiegati che stanno facendo la quarantena lì stanno tutti bene, stanno facendo passare i giorni, speriamo che andrà bene davvero per tutti, il totale isolamento può avere i suoi vantaggi nel frenare i contagi. La comunità è abbastanza piccola e stiamo cercando di salvaguardarci tutti l'un l'altro. Speriamo che questo periodo passi presto, perché sarà importante vedere anche il dopo e come riprenderci, noi come l'intero Paese».

Intanto, l'intera comunità, e non solo, si stringe a tutte le persone che si trovano dentro l'Rsa, mandando chi un abbraccio virtuale, chi qualche parola di conforto, chi un ringraziamento per quegli operatori che non hanno mai lasciato soli i pazienti impossibilitati ormai da settimane anche a incontrare i propri cari. Mentre, proprio da dentro la struttura, gli operatori affidano ai sindacati un grido d'allarme. «dispositivi arrivati non sono sufficienti, chiedono aiuto - denunciano infatti il segretario generale della Funzione Pubblica Palermo Giovanni Cammuca e Michele Morello, responsabile terzo settore Fp Cgil Palermo, in contatto continuo con i lavoratori dell'Rsa -. Chiedono presidi che non bastano più, mascherine con i filtri e quelle a copertura integrale, guanti resistenti, camici da buttare. Da domani non sanno come reggere il lavoro, non sanno se potranno essere in grado di lavorare senza adeguate protezioni. Il rifornimento di guanti, mascherine e camici arrivato oggi non basta a coprire anche la giornata di domani. Al lavoro ci sono anche operatori sanitari risultati positivi e non sanno come fare».

Una situazione critica che in questo momento sembra riguardare non solo la residenza sanitaria di Villafrati, ma anche molte altre case di riposo a Palermo e provincia, specie le strutture più piccole. «Si rischia che queste case di riposo diventino delle Auschwitz per anziani - aggiungono Cammuca e Morello -.  I casi di contagio collettivo si vanno estendendo. Quello che è accaduto nella casa di risposo di Villafrati, può scoppiare in qualsiasi centro. I dispositivi non vengono dati ai lavoratori, non ci sono controlli sulle strutture. Non solo i centri per anziani ma tutti i centri di cura, assistenza e riabilitazione dove si fa vita di comunità, come quelli per pluriminorati, malati d'Alzheimer, neurolesi, dove l'educatore lavora gomito a gomito col paziente e non può mantenere nessuna distanza di sicurezza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews