Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Dehors, Consiglio si blocca su modifiche al regolamento
Attinasi: «L'impresa non può soltanto essere spennata»

A Sala delle Lapidi va in scena l'ennesima melina che, ancora una volta, lascia i commercianti nell'incertezza. Per il presidente di Assoimpresa «se il problema è l'evasione, prima si faccia una riforma fiscale seria che consenta di detrarre tutto ciò che si consuma»

Andrea Turco

«Il regolamento va avanti da mesi, c'è stata una commissione consiliare ad hoc che ci ha lavorato, ci sono tutti i pareri acquisiti degli uffici comunali. Proviamo ad andare avanti». Ai primi dubbi dei consiglieri comunali, il presidente Salvatore Orlando quasi sbotta nell'invitare i colleghi a evitare l'ennesima melina che da anni - l'ultimo regolamento sul suolo pubblico risale al 2014 e nel frattempo per i commercianti sono scadute le proroghe concesse dal Comune - tiene nell'incertezza i gestori dei locali che hanno piantato i caratteristici gazebo palermitani. 

Alcuni, piuttosto che rimanere nell'incertezza di eventuali multe che porterebbero al collasso le attività, hanno preferito smontare pedane, sedie e tavoli all'esterno dei locali. Questa mattina a Sala delle Lapidi si sarebbe dovuto parlare delle ultime modifiche a un regolamento la cui discussione blocca l'approvazione di altri regolamenti come quello sui rifiuti e sul sociale. Prima il rinvio di un'ora, dalle 11 alle 12, poi un'ulteriore discussione che si è subito impantanata ai primi emendamenti, modificati dal Consiglio e ai quali avrebbero dovuto fornire chiarimenti i dirigenti del Comune.

L'iniziale appello di Orlando, dunque, è caduto nel vuoto. C'è stato appena il tempo di discutere di distanze dalle carreggiate dei dehors e del limite di metri quadrati di suolo pubblico da concedere agli esercenti (il Comune aveva proposto 100, il Consiglio suggerisce 50). Fino a un nuovo rinvio, dovuto ufficialmente all'assenza del dirigente comunale Luigi Galatioto e dell'assessore alle Attività Produttive Leopoldo Piampiano. In realtà sullo sfondo resta una maggioranza che non riesce a fare quadrato e le opposizioni che vanno in ordine sparso. Un caos politico che si riversa ancora una volta sui cittadini.

«Dobbiamo registrare purtroppo che il Consiglio, su tutte le delibere che riguardano le imprese, è inadempiente - dice Mario Attinasi, presidente di Assoimpresa - Non ci si rende conto che sono le imprese a garantire occupazione, e invece che esitare tutti quei regolamenti che possono dare un quadro certo per quelle attività che vogliono fare della legalità e del rispetto delle regole un modello di conduzione, si cerca di portare avanti delibere che vanno nella direzione opposta e che danneggiano le imprese. Mi riferisco per esempio alla delibera sulla ztl notturna e alla discussione su eventuali revoche delle licenze per chi non è in regola con il pagamento della Tari».

Per Attinasi le vicende palermitane sono d'altra parte l'emblea di un problema più generale. «Si devono mettere in condizione le imprese di operare e di conseguire degli utili - afferma - Stiamo arrivando a dei veri e propri paradossi: bisogna rendersi conto che l'impresa è una risorsa, che l'emigrazione è un dramma soprattutto nel Sud Italia. Tutti devono fare la propria parte, l'impresa non può essere usata solo per essere spennata. Se il problema è l'evasione, prima si faccia una riforma fiscale seria che consenta di detrarre tutto ciò che si consuma. Solo così si potrebbe avere un abbassamento delle tasse, che di conseguenza pagherebbero tutti. Se non si fa questo la crescita resterà un miraggio». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews