Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Piano Battaglia, aggiudicata la gara per le piste da sci
Ma la riapertura appare lontana: «Danni incalcolabili»

La Città metropolitana ha reso noto che a vincere il quarto bando, dopo i primi tre andati deserti, è la Impianti e Asfalti srl. Che però si occupa di «lavori stradali, fognari ed edili». Mentre la società che si occupa degli impianti di risalita resta sul piede di guerra

Andrea Turco

L'ennesima puntata dell'intrigo su Piano Battaglia vede una novità che però, a quanto pare, non porta alla risoluzione della trama. Ieri pomeriggio la Città metropolitana di Palermo ha reso noto di aver affidato, a inverno inoltrato, la gestione delle piste di sci. Gli impianti di risalita invece restano in mano alla Piano Battaglia srl: la società, da tempo in rotta di collisione con l'ex provincia, fa però sapere che la riapertura della stazione sciistica resta un miraggio. Con le modalità dell'affidamento delle piste che creano qualche grattacapo. Un vero e proprio paradosso che amplifica le difficoltà già note: se nel 2019 sulle Madonie si è potuto sciare solo a fine gennaio, quest'anno le prospettive per gli appassionati appaiono ancora più fosche.

«È stata celebrata su piattaforma ME.PA. - si legge nella nota diffusa dalla Città metropolitana di Palermo - la gara relativa al “Servizio annuale per la gestione delle piste da discesa, dei sentieri di collegamento e dei sentieri naturalistici della Mufara, ricadenti nell'area sciabile attrezzata di Piano Battaglia, per la stagione invernale 2019-2020 e le stagioni estate-autunno 2020”. È risultata aggiudicataria provvisoria l’impresa Impianti e Asfalti srl che ha presentato un ribasso del 32,25 per cento. Si procederà, in tempi brevi, a richiedere la documentazione di rito per l’aggiudicazione definitiva e a convocare presso gli uffici della direzione la suddetta impresa per l’organizzazione del servizio in questione».

Un ribasso di quasi un terzo del totale, considerato l'importo iniziale di quasi 154mila euro, significa che la Impianti e Asfalti ha presentato una proposta di poco più di 100mila euro. Con una cifra così bassa, si domandano in molti, come ci si potrà occupare in maniera congrua di piste così delicate come quelle madonite, in una zona dove la neve non cade poi così spesso e dove basta qualche giorno di sole per far sciogliere ampie zone? Il valore dell'appalto, tra l'altro, copre appena l'acquisto dei macchinari necessari. Un impegno economico dunque che, per società neofite del settore come la Impianti e Asfalti, appare gravoso. L'azienda palermitana, come si apprende dall'omonimo sito, si occupa tra l'altro di «lavori stradali, fognari ed edili con enti pubblici e privati».

 La legge nazionale afferma che la manutenzione delle piste da sci deve essere affidata allo stesso soggetto che gestisce gli impianti di risalita: accade così, per esempio, nelle più famose località sciistiche d'Italia come Cortina e Sestriere. Nelle Madonie, invece, questo doppio binario (sancito l'anno scorso e ribadito quest'anno) crea scompensi e malumori. Non è un caso che le società professionistiche del settore abbiano disertato i precedenti tre bandi di gara della Città metropolitana, e che l'ultimo sia stato vinto da un'impresa che ha la propria specializzazione altrove. 

Per i primi due anni (2017 e 2018) la Piano Battaglia srl, dopo essersi aggiudicata l'affidamento per 30 anni degli impianti di risalita dell'unica stazione sciistica della Sicilia Occidentale, ha provveduto in maniera gratuita anche alla manutenzione delle piste. Ma quando ha comunicato la propria intenzione di non voler più effettuare questo compito, la Città metropolitana ha scelto di cercare altrove chi potesse occuparsi delle piste da sci. Attraverso bandi che la Piano Battaglia srl ha disertato, reputandoli illegittimi.

Intanto, dopo aver comunicato nei giorni scorsi di aver intrapreso le vie legali contro la Città metropolitana, la società resta sul piede di guerra. «L’aggiudicazione delle piste a un gestore diverso da quello degli impianti rende impossibile la loro apertura - commenta il presidente Antonio Catalano - Non si sentiva il bisogno di questa prova, definitiva, della incapacità della Città metropolitana di Palermo a gestire l’unica area sciabile attrezzata della Sicilia. Danni ingenti per il gestore Piano Battaglia srl e incalcolabili per le Madonie. Attendiamo risposte da chi sovrintende all’operato dell’amministrazione e dalla magistratura».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews