Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Piano Battaglia, strade impraticabili: fermati i turisti
Rifugio Marini: «Persi 4000 euro, è sempre peggio»

La lettera aperta sui social: «La mancanza di mezzi, lo scarso coordinamento degli operatori sul territorio e lasciatemi dire anche l'impreparazione di chi sovrintende all'ordine pubblico e alla viabilità hanno fatto sì che più di 20 autobus sono stati fermati e invitati a ritornare indietro dopo lunghe ore di attesa»

Gabriele Ruggieri

Una giornata di ordinaria follia a Piano Battaglia, questo il titolo che Giovanni Faletra, titolare del Rifugio Marini, attività turistica nella nota meta sciistica sulle Madonie, sceglie per la sua lettera aperta. Una lettera che suona come uno sfogo contro i disservizi che, a detta dello stesso Faletra, penalizzano in maniera molto grave chi in quel luogo ha deciso di investire. Già nelle scorse settimane, quando a Piano Battaglia è finalmente arrivata la neve e tutto sembrava pronto per dare il via a una florida stagione invernale che avrebbe potuto mostrare al mondo i frutti degli investimenti fatti sugli impianti, era montata la polemica per l'impossibilità di raggiungere le mete di interesse turistico per le condizioni delle strade e l'impreparazione di chi avrebbe dovuto mantenerne la percorribilità

Tornato il sereno, con tanto di riapertura della stagione sciistica con gli assessori regionali impegnati ad auspicarsi che le Madonie possano diventare meta turistica per 365 giorni all'anno, ecco però un altro intoppo. Ne racconta proprio la lettera del titolare del Rifugio Marini, che sui social posta l'immagine della sua sala da pranzo con le tavole apparecchiate e pronte a ricevere i tanti turisti che hanno prenotato in anticipo per il weekend. «Questa foto ritrae una delle due sale da pranzo del Rifugio Marini - scrive - preparata per ospitare un gruppo di turisti, regolarmente, prenotati che stamattina, da Porto Empedocle, dovevano raggiungere Piano Battaglia con due pullman appositamente noleggiati per una giornata da trascorrere sulla neve con relativo pranzo». 

«La mancanza di mezzi, lo scarso coordinamento degli operatori sul territorio e lasciatemi dire anche l'impreparazione di chi sovrintende all'ordine pubblico e alla viabilità a Piano Battaglia hanno fatto sì che più di 20 autobus sono stati fermati all'altezza del Parco Avventura e invitati a ritornare indietro dopo lunghe ore di attesa. Qualcuno, ignaro della distanza da percorrere, non si è rassegnato allo stop e si è incamminato, a piedi, non sapendo degli otto chilometri da percorrere per raggiungere la destinazione». Il risultato, ovviamente, si traduce in un ingente danno economico per l'attività, oltre che per una giornata campale per i turisti. «Oggi avevamo prenotazioni per 190 coperti e abbiamo servito 60 pasti perdendo tra ristorante e bar circa 4.000 euro senza poi contare lo spreco del cibo preparato che andrà buttato via: per una piccola economia come la nostra sono davvero tanti».

«I turisti - continua la lettera aperta - sono rimasti per ore in aperta strada provinciale senza viveri, senza possibilità di servizi igienici e soprattutto senza nessun tipo di assistenza. Si sono ovviamente ripromessi di non tornare più a Piano Battaglia, non distinguendo i responsabili del disastro odierno. Anche noi siamo fortemente amareggiati, lavoriamo da anni su questo territorio cercando di promuovere un turismo consapevole anche in inverno quando i problemi di Piano Battaglia si amplificano: la manutenzione delle strade, i servizi inesistenti e l’offerta ricettiva inadeguata rispetto alla domanda di posti letto. Ogni anno è sempre peggio, tante belle parole e braccia allargate».

E dal futuro l'imprenditore ormai non si aspetta molto. «Chiuso l’episodio di oggi ci chiediamo se qualcuno si adopererà per assicurare la piena fruibilità della località nel prossimo fine settimana o, invece, spererà che anche noi, così come gli altri operatori economici rimasti, desisteremo chiudendo l’attività rassegnandoci al triste destino che tanto le cose non cambieranno mai. Nonostante tutto, noi cercheremo di fare ancora la nostra parte».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews