Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Blutec, sempre più vicina la fusione Fca-Psa
«L'ennesima umiliazione dopo addio di Fiat»

Manca poco all'annunciato matrimonio tra i due colossi del settore auto, che dovrebbe garantire il salvataggio degli stabilimenti nel Paese. Difficile non tornare con la memoria a otto anni fa, quando l'azienda torinese abbandonò i mille operai di Termini Imerese

Antonio Mercurio

Probabilmente è in occasione dei matrimoni che i divorzi bruciano di più. Soprattutto quando in ballo c’è il futuro di mille famiglieManca pochissimo infatti all'annunciata fusione tra Fca e il gruppo Peugeot che potrebbe dare luce al quarto gruppo mondiale dell’auto con 8,7 milioni di veicoli venduti. La nuova realtà sarà posseduto da una società paritetica con sede in Olanda e un consiglio di amministrazione di undici membri presieduto da John Elkann e con Carlos Tavares come amministratore delegato. Nel comunicato, è questo non è mistero quando si parla di fusioni, si ipotizzano risparmi annuali di 3,7 miliardi di euro, senza chiusure per gli stabilimenti nel Paese.

Una notizia che rappresenta sicuramente motivo di soddisfazione per il futuro dell’industria made in Italy (seppure Fca non abbia da tempo più sede a Torino trasferita, dopo 115 anni, ad Amsterdam), anche se brucia ancora l'abbandono dello stabilimento a 30 chilometri da Palermo, nel lontano dicembre 2011. Un addio non senza strascichi, a causa di un piano di rilancio industriale mai realmente decollato. Mentre un migliaio di lavoratori, 670 operai ex Fiat e 300 dell’indotto, sono ancora in attesa di un progetto credibile dopo l’ennesimo fallimento targato Blutec.

Non tutti i mali vengono per nuocere, però. Perché lo scandalo giudiziario che ha travolto i manager dell’azienda, accusati di aver distratto ingenti finanziamenti pubblici e il successivo sequestro dell’azienda, potrebbero aprire inaspettati scenari. La nuova era tracciata all'amministrazione straordinaria e dalla nomina di tre commissari, con la riconferma di Giuseppe Glorioso, potrebbe essere l’occasione giusta. Ora, entro sei mesi si dovrà presentare un nuovo piano di risanamento. Il momento per individuare nuovi partner tra cui, perché no, la stessa Fca. Non è un mistero che i sindacati abbiano sempre chiesto al governo di «richiamare l’ex azienda del Lingotto alle sue responsabilità». 

Un accordo, quella annunciato in queste ore tra i due colossi del settore automotive, che potrebbe prestarsi anche a questa lettura. Sebbene le parti sociali siano fin troppo smaliziate per non capire che, dietro queste manovre, l’imperativo è spesso quello del taglio dei costi. «L’augurio è che non facciano ulteriori ristrutturazioni e chiudano altri stabilimenti come già è accaduto», va dritto al punto Vincenzo Comella della Uilm Palermo. «Queste operazioni si mettono in campo per essere più competitivi», ribadisce senza dimenticare che al momento dell’addio fu proprio la Fiat a portare al tavolo del Mise la Blutec. Un dettaglio che non si cancella facilmente: «Assistere a questa nuova Fiat che cresce è un ulteriore umiliazione per i lavoratori - aggiunge con amarezza - perché prima di andar via non è stata in condizione di mettere un paracadute allo stabilimento di Termini Imerese che, comunque, era produttivo». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews