Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Piano Battaglia, lo spazzaneve è in pessime condizioni
«Agli autisti viene chiesta la manutenzione dei mezzi»

In questi giorni di prime intense nevicate sulle Madonie i mezzi gestiti dalla provincia risultano vecchi e senza l'adeguata manutenzione. Per la dirigente Mirto: «Siamo senza risorse economiche e con quello che abbiamo facciamo quel che possiamo»

Andrea Turco

Quando si parla di neve la Sicilia non è la prima terra a cui si pensa. Eppure nevica anche nell'Isola, e dunque la funzione degli spazzaneve è fondamentale. A Piano Battaglia la gestione dei mezzi è della provincia. Eppure, secondo la denuncia della Cgil, nelle condizioni attuali i mezzi sono sempre più vecchi, a causa dell'assenza di risorse che sconta l'ente locale più bistrattato (dopo la riforma dei liberi consorzi da parte del governo Crocetta, le province sono rimaste teoricamente sulla carta pur continuando a restare operative). Agli autisti dell'area metropolitana di Palermo, inoltre, verrebbe chiesto di occuparsi persino della manutenzione degli spazzaneve. Anzi, dell'unico spazzaneve che da oltre 20 anni opera sulle Madonie.

«In questo momento la provincia di Palermo è in condizioni disastrose - racconta Saverio Cipriano, dirigente Cgil e coordinatore Rsu per l'area metropolitana - non c'è la manutenzione e non ci sono più i meccanici, si impone agli autisti di prendere i mezzi in gravi condizioni di sicurezza. Nessuno si prende le responsabilità, c'è un gioco al massacro e pagano sempre i lavoratori». Una situazione rischiosa, quella che si verifica in questi giorni di prime intense nevicate sulle Madonie, che potrebbe risultare fatale.

«Si rischia che prima o poi scappa il morto - continua Cipriano -  Quest'anno sono stati 1200 i morti sul lavoro, non vorrei che in quest'elenco ci possa finire qualche collega. Abbiamo chiesto l'intervento dei rappresentanti per la sicurezza. Se si continua a operare senza sicurezza l'incidente arriva. C'è un continuo contenzioso tra dirigenti e lavoratori, i responsabili dicono ai lavoratori che hanno ragione ma registriamo uno stato di abbandono». 

«Lo spazzaneve è solo uno», ammette a denti stretti il capo della protezione civile per l’area metropolitana di Palermo, Marianna Mirto, ma spiega il motivo: «Siamo senza risorse dal 2012 e quest’anno senza l’approvazione neanche del bilancio preventivo. Per questo scorcio di stagione non si prevedono grandi nevicate. Abbiamo fatto nei mesi scorsi una gara per nuovi mezzi, ma è andata deserta. La rifaremo a gennaio sperando che questa volta qualche ditta vorrà aderire - conclude - anche perché per il prossimo anno le previsioni meteorologiche sono pessime. Con quello che abbiamo facciamo quel che possiamo - conclude - ma fino a quando non verranno garantire adeguate risorse la situazione e rimarrà uguale».

Una risposta che non convince fino in fondo Cipriano. «Non possono essere i più deboli a pagare le disfunzioni economiche del sistema» afferma il sindacalista.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews