Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Trappeto, maggioranza comunale scarica Forza Nuova
Ma attacca la stampa: «Alla ricerca di un finto scoop»

A distanza di quasi una settimana dall'iniziativa delle calze neofasciste, il sindaco Cosentino e i suoi sostenitori tornano sulla vicenda per provare ad affrontare le polemiche. «Siamo operatori di pace e del dialogo, condanniamo ogni totalitarismo»

Andrea Turco

In un famoso episodio di Happy Days il celebre Fonzie, l'orgoglioso bellimbusto del telefilm Usa, non riesce a dire "ho sbagliato". Ci prova, ma quando sta per arrivare a quelle due fatidiche parole gli sale su una sorta di nausea. Il massimo che riesce a pronunciare è un più mite "non giusto". E' la scena che viene in mente dopo la lettura del comunicato del gruppo di maggioranza Noi per Trappeto, che ha portato alla vittoria elettorale del sindaco Santo Cosentino

In poco più di una pagina il primo cittadino e i suoi sostenitori, da una settimana sotto l'occhio del ciclone per aver appoggiato un'iniziativa del gruppo locale di Forza Nuova (e non è la prima volta), condannano «ogni azione che auspichi il ritorno di qualsiasi movimento totalitarista», scaricano i neofascisti della cittadina palermitana («non essendo tra gli organizzatori ci risultavano sconosciute le modalità») e annunciano che d'ora in avanti «non saranno autorizzate manifestazioni di volontariato di qualsiasi genere che abbiano dietro una finalità di propaganda riconducibile a un partito politico».

Riconoscono l'errore, insomma, ma non chiedono scusa. E così le 100 calze nere donate ai bambini da parte dei militanti di FN, con tanto di logo, evaporano dal comunicato (non sono mai citate) firmato dall'intera giunta, dal presidente del consiglio comunale Salvatore Orlando e dai consiglieri di maggioranza. Tutti precisano di far parte di «una lista civica improntata al civismo e di essere lontanissima ideologicamente (in maiuscolo e sottolineato, ndr) dal gruppo politico denominato Forza Nuova».

La coda del comunicato, dopo aver ribadito di essere «operatori di pace e del dialogo» con un appello al «bene comune», è però velenosa. A partire dal riferimento a «una certa stampa locale» che avrebbe cercato di «ledere l'immagine del nostro gruppo di maggioranza e conseguentemente di tutta la comunità trappetese». Per poi dare una lezione di etica a chi ha scritto della vicenda - arrivata pure a livello nazionale con, tra gli altri, Il Fatto Quotidiano, Open e il magazine della comunità ebraica di Roma. 

«La ricerca dello scoop a tutti i costi (o per meglio dire del finto scoop) - si legge ancora nel comunicato della lista Noi per Trappeto - è lontana da quell'idea di giornalismo "autentico" volto ad assicurare ai cittadini un'informazione qualificata e caratterizzata da obiettività, imparzialità, completezza e correttezza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews