Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Termini Imerese, Arpa boccia ancora l'impianto Ecox
M5s: «La Regione deve sospendere l'autorizzazione»

Nel sopralluogo del 6 novembre i tecnici scrivono che la struttura per il compostaggio «non ha le caratteristiche e i presidi ambientali utili a garantire una corretta gestione del processo». Riscontrata la presenza di percolato, mentre «l'aria risultava irrespirabile»

Andrea Turco

«L'impianto gestito dalla ditta Ecox srl non ha le caratteristiche e i presidi ambientali utili a garantire una corretta gestione del processo senza arrecare danni all'ambiente circostante e alla salute dei cittadini, stante le continue segnalazioni che giungono gli uffici preposti alle attività di controllo». La sonora bocciatura al discusso impianto di compostaggio di Termini Imerese arriva dai tecnici dell'Arpa

Dopo la recente emergenza umido e la manifestazione organizzata dal M5s contro le esalazioni odorigne, dunque, per la società si apre una nuova criticità. Il mese scorso la Regione Siciliana aveva già inviato una diffida per non aver risposto alla nota emanata dalla Città metropolitana di Palermo lo scorso 10 settembre, con la quale l'ex provincia chiedeva conto delle prescrizioni che erano state rilasciate insieme all'autorizzazione. Ecox aveva poi inviato le osservazioni richieste, alle quali era sopravvenuto un primo sopralluogo il 25 settembre che aveva accertato «numerose criticità». Ma ora, dopo il nuovo parere dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente, l'ipotesi di una sospensione dell'autorizzazione si fa più concreta. 

Nel verbale di sopralluogo del 6 novembre scorso, è la stessa agenzia regionale a ricordare che dopo l'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) rilasciata dalla Regione Siciliana nel febbraio 2017, Ecox si era vista autorizzare successivamente uno stralcio funzionale per un impianto mobile, gestito dalla ditta Gm srl, che avrebbe dovuto trattare i rifiuti per quattro mesi a partire dall'apertura (prevista per il 9 agosto 2019 e poi rinviata al 19, dopo una conferenza dei servizi convocata in fretta e furia a ridosso di Ferragosto). Al momento del sopralluogo i tecnici e i funzionari di polizia giudiziaria accertano che «le operazioni di movimentazione del rifiuto e del materiale in fase di maturazione nell'ambito della campagna mobile autorizzata alla ditta Gm srl erano effettuate da personale della ditta Ecox srl».

Inoltre «nell'area esterna all'edificio destinato alle fasi di lavorazione, miscelazione e biostabilizzazione, si notava un cumulo di sfalci di potatura e materiale vegetale posto senza alcuna copertura atta ad evitare l'effetto degli agenti meteorici ed eolici». Non è la sola "stranezza" individuata dall'Arpa, che correda le proprie valutazioni con alcune fotografie. «All'interno del capannone - si legge ancora nella nota - si notava la presenza di cinque biosacchi contenenti rifiuti in fase di maturazione, e si notavano ampie aree caratterizzate dal lagunaggio del percolato proveniente dall'accumulo di altro rifiuto in fase di seconda maturazione, e al fine di contenere lo versamento del percolato sull'area di movimentazione, si notava la presenza di una barriera realizzata con rifiuti vegetali posta a ridosso dei biosacchi a modo di realizzare un argine di contenimento».

Oltre al percolato, «l'aria risultava irrespirabile, a causa dalle presenza di odori nauseabondi e mefitici derivanti dalle fasi maturazione e movimentazione dei rifiuti» e allo stesso tempo «non si riscontrava la presenza di presidi ambientali utili a prevenire la dispersione del rifiuto liquido nonché l'emissione e la dispersione di odori particolarmente intensi nell'area circostante». Infine «in tutti i biosacchi non era presente alcuna indicazione della data di collocazione degli stessi at fini della tracciabilità del trattamento».

Una vera e propria stroncatura, quella dell'Arpa, che giunge nel giorno in cui Ecox sta facendo ripartire il conferimento dell'umido in parte dei 55 Comuni che finora, a fasi alterne e con alcune pause e ripartenze che hanno messo in difficoltà le amministrazioni, hanno portato i propri rifiuti a Termini Imerese. «L’Arpa ci ha dato ragione» è il commento del deputato all'Ars per il M5s Luigi Sunseri, da sempre contrario all'impianto. «La Regione intervenga immediatamente e metta fine a tutto questo sospendendo l’autorizzazione. Il tempo è galantuomo, ma non possiamo più perderne ancora. Non ci sono più scuse».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews