Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Termini, Regione diffida l'impianto di compostaggio
La difesa di Ecox: «Inviate le osservazioni richieste»

Dopo la mancata risposta alla Città metropolitana, gli uffici regionali chiedono alla ditta GM di «relazionare sui dati di produzione», altrimenti si dovrà provvedere a ripristinare le condizioni precedenti l'autorizzazione. M5s: «La situazione resta critica»

Andrea Turco

«Lo ripeto per l’ennesima volta: Ecox non è la benvenuta nel nostro territorio. Soprattutto visto l’importante impatto delle emissioni odorigene. Si mettano il cuore in pace». La battagliera dichiarazione proviene da Luigi Sunseri, deputato all'Ars per il M5s. E riguarda l'impianto di compostaggio di Termini Imerese, che dopo numerose peripezie ha aperto lo scorso 19 agosto. E che è già a rischio. La Regione Siciliana ha infatti diffidato la ditta Gm srl, che lavora presso il sito Ecox in contrada Canne Mosche, perché non ha risposto alla nota emanata dalla Città metropolitana di Palermo lo scorso 10 settembre, con la quale l'ex provincia chiedeva conto delle prescrizioni che erano state rilasciate insieme all'autorizzazione.

Dopo la conferenza dei servizi convocata il 14 agosto, con la Regione che da tempo sollecita nuovi impianti (in attesa di quelli pubblici) per affrontare la sempre complessa gestione dei rifiuti, la Città metropolitana e Arpa hanno avanzato una serie di richieste a GM e Ecox, da esaudire entro dieci giorni. A questa prima osservazione, però, non sarebbero arrivate repliche da parte delle due società. Il 10 settembre con una nota torna a farsi la città metropolitana di Palermo, anche questa volta vanamente. Così ecco l'intervento della Regione, che non solo diffida GM - addetta al recupero rifiuti - ma chiede alla ditta di «relazionare sui dati di produzione dell'impianto di compostaggio». Se dovessero persistere le criticità, o se le risposte dell'azienda dovessero essere ritenute inadeguate, si «dovrà provvedere a ripristinare l'impianto alle condizioni previste dal provvedimento autorizzativo e dalla normativa ambientale».

Così, a nemmeno due mesi dall'avviol'impianto di Termini potrebbe affrontare i primi veri problemi. «Noi abbiamo effettuato continue ispezioni e controlli - afferma ancora Sunseri - Si sta semplicemente applicando la norma. La situazione resta critica». A creare ulteriori grattacapi potrebbe contribuire anche il blocco del conferimento dell'organico, che da lunedì Ecox ha inoltrato ai Comuni che sempre più numerosi hanno confluito i propri rifiuti nei primi 56 giorni di avvio delle attività, specie quelli del Palermitano dopo il raggiungimento dei limiti da parte dell'impianto di compostaggio all'interno della discarica di Bellolampo. Un blocco naturale, comunque, quello del conferimento: come avviene per ogni impianto di compostaggio, in base alla dimensione delle biocelle si stabiliscono le quantità da accogliere, affinché una volta riempite tutte le biocelle l'umido inserito all'inizio del ciclo sia pronto (biostabilizzato) alla fine. 

«So che la GM ha inviato le proprie osservazioni al dipartimento Acque e Rifiuti - afferma Dario Italiano, responsabile tecnico e amministratore di Ecox - Saranno poi gli organi di controllo a stabilire se le risposte date sono pertinenti. Per quanto riguarda il blocco del conferimento bisogna considerare che c'è una tempistica per la lavorazione del rifiuto, che varia anche in funzione dei parametri chimici del prodotto stesso, e dunque c'è da tener conto del periodo di fermentazione. Per poter permettere l'ingresso di nuovi materiali è dunque fisiologico fermarsi in certi momenti, ma tutti gli impianti di compostaggio siciliani funzionano a singhiozzo. Chiaro che questi periodi di fermo possono creare disservizi a catena, perché il Comune che è obbligato alla differenziata non sa dove portare l'umido in questi giorni».

Al netto della già citata carenza di impianti, dunque, un numero crescente di Comuni si è rivolta a Ecox. E il rischio di un blocco potrebbe gettare nuovamente in paralisi la gestione dei rifiuti, a Palermo come altrove. «Da quando abbiamo aperto da noi hanno conferito molti Comuni del Palermitano, del Trapanese, del Messinese, anche di Caltanissetta, alcuni dall'Agrigentino - spiega ancora Italiano - Il sistema siciliano dei rifiuti certamente non è tarato adeguatamente alle esigenze dei territori. Il processo intero di compostaggio può andare dai 60 ai 90 giorni, e i margini per intervenire sono pochi. Prima di aprire nuovi impianti, comunque, è chiaro che il legislatore vuole fare tutte le valutazioni del caso. Ma certamente le richieste aumentano, considerando soprattutto che la raccolta differenziata è cresciuta tantissimo mentre non è andata di pari passo la creazione di nuovi impianti».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews