Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Valledolmo, i cambiamenti raccontati dai volti dei protagonisti
Arriva Maravigghia: la mostra fotografica e un documentario

Un lavoro di ampio respiro che si propone di creare un dialogo tra gli studenti del liceo, la comunità e il mondo circostante affidato alle mani dell'attore e regista Giuseppe Sangiorgi e del fotografo Gianni Nastasi

Gabriele Ruggieri

La sopravvivenza e la conservazione di un piccolo centro abitato passano anche e soprattutto dalla memoria. Dalla tutela di quelle piccole peculiarità che rendono quel luogo unico e per questo legano e uniscono, in un certo modo, le persone che lo abitano. Maravigghia è un progetto nato a Valledolmo proprio con questo intento. Un lavoro di ampio respiro, all'interno di un progetto promosso dal comitato che sostiene la causa del liceo classico locale, che si propone di «creare un dialogo tra gli studenti del liceo, la comunità e il mondo circostante». E per fare ciò si sono messi nelle mani di un fotografo d'esperienza come Gianni Nastasi e di Giuseppe Sangiorgi, attore e regista valledolmese sulla scia di un corso fotografico già avviato dal professore Basilio Vallone, ha ideato un percorso che comprende un documentario e un'istallazione fotografica allestita lungo il corso principale di Valledolmo. Un'esperienza che vede come protagonisti alcuni cittadini Valledolmesi che hanno attraversato le mutazioni sociali e tecnologiche del novecento, e sono approdati in un presente saturo di prodigi e contraddizioni.

Ma non solo, la maravigghia del titolo sta anche il sentimento che ha accompagnato gli intervistati durante il racconto della propria vita: i ricordi dell’infanzia difficoltosa, eppure felice, i bombardamenti durante la seconda guerra mondiale, il primo bacio dato di nascosto, da fidanzati, oppure solo dopo il matrimonio, i lutti dovuti alla terribile mortalità infantile. E ancora le esperienze degli antichi mestieri in via di estinzione, la gioiosa preparazione per i balli che invadevano le case nel periodo del carnevale, la devozioni ai santi fatte di preghiere e purmisioni e, infine, il rapporto con la morte, a tu per tu, come fosse un parente lontano, evento misterioso e naturalissimo. La meraviglia ha pervaso l’animo di Giuseppe Sangiorgi, che ha ascoltato e ripreso tutti e tredici i racconti, assistendo a prodigiose mutazioni di ringiovanimento dei volti, oppure di doloroso invecchiamento, a seconda di cosa quei volti raccontavano. Meravigliato è stato il maestro Gianni Nastasi di trovare a Valledolmo così tante facce pregne di vita, visi bellissimi e generosissimi, che stavano davanti l’obbiettivo della macchina fotografica con un misto di disagio e inaspettata naturalezza. 

Il documentario è ancora in fase di lavorazione e verrà presentato al pubblico durante il periodo finale dei festeggiamenti in onore del patrono Sant’Antonio, che a Valledolmo si festeggia il 18 agosto per consentire il rientro dei tanti concittadini che vivono fuori. La mostra fotografica sarà invece inaugurata il 13 agosto e sarà fruibile fino al 8 settembre. Comprenderà tredici gigantografie di 2,20 x 1,50 metri sospese a circa 4 metri d’altezza: tredici ritratti che si alterneranno alle luminarie tipiche della festa. Ad ogni ritratto verrà associato un pannello con la foto in piccolo, le generalità, e uno stralcio dell’intervista di ognuno. L’idea è stata quella di creare un dialogo tra i volti ritratti e i passanti, o meglio passiànti. Il confronto tra generazioni diverse, tra le storie di un passato lontanissimo ma ancora vivo e un presente spesso distante e distratto.

Nino, Maria, Stefana e Rosaria, Piddu, Carmela, Totò, Rosario e Ninetta, Pino, Giuseppina, Marino, Rosaria, Maria Rosa, Mariano, Carmela e Graziella, saranno presenti all’inaugurazione del 13 agosto, alle 19 in piazza dell’Olmo, insieme a Gianni Nastasi, Giuseppe Sangiorgi, Basilio Vallone, il sindaco Angelo Conti e l’amministrazione comunale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews