Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Ballarò, dove tutti gli stranieri sono mafiosi. Ma è così?
«Se sbaglia un migrante la responsabilità è collettiva?»

Il blitz di oggi ha inflitto un ulteriore duro colpo alla criminalità organizzata made in Nigeria. Quella che nel quartiere simbolo d’integrazione trova anche la sua base operativa. Tra chi si affretta a proclamare «l’emergenza sociale» e chi dietro ai reati non vede colori né bandiere

Silvia Buffa

C’è stato un tempo in cui se eri palermitano allora eri mafioso. Un’etichetta che scattava in automatico, che ti si appiccicava addosso senza troppi complimenti e che è sparita dopo anni di battaglie per affrancarci da un ignobile quanto ignorante pregiudizio. Pare sia in virtù dello stesso meccanismo che oggi, sempre a Palermo, se sei un migrante allora sei un mafioso. O meglio, se sei un nigeriano. Perché è da lì, dalla Nigeria, che sono nati i cult che oggi blitz dopo blitz si cerca di azzerare. Gruppi mafiosi in tutti i sensi, sorti in ambito universitario e che hanno poi attecchito in maniera endemica in mezza Europa. Fino a Palermo. Anzi, fino al suo cuore per definizione, Ballarò. Sarebbe questo il quartiere prediletto, la «base operativa», per dirla con gli inquirenti, dove gestire il traffico di droga e la tratta delle prostitute, fra minacce, intimidazioni e un uso spregiudicato della violenza. Lì, nella stessa Ballarò che è oggi innegabilmente anche il contrario. Non una terra di nessuno, ma un luogo in cui mettere radici e fare delle culture diverse il collante perfetto per rifarsi una vita alla luce del sole e nella piena legalità.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×