Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Anirbas: ancora in bilico il cambio sede, a rischio l’attività
«Siamo con le spalle al muro: il volontariato o il lavoro?»

La onlus fondata da Sabrina Ciulla dovrà spostarsi se in via Raffaele La Valle aprirà, come previsto, un’autofficina. L’appello per trovare un nuovo posto senza dover rinunciare a quella «macchina di solidarietà» messa in moto cinque anni fa

Silvia Buffa

«Il rischio è quello di finire per strada». La stessa dove, da cinque anni ormai, Sabrina Ciulla e i suoi volontari si prendono cura dei senzatetto e delle persone bisognose della città. La fondatrice della onlus Anirbas, infatti, si trova adesso con le spalle al muro. La storica sede di via Raffaele La Valle è in attesa delle autorizzazioni necessarie per cambiare volto e diventare un’autofficina, trasformazione che costringe adesso la donna a cercare una nuova sede per le sue attività di volontariato. Quel posto, infatti, varcando il cancello chiaro al civico 4, in fondo alle scale, non può essere contemporaneamente entrambe le cose. Perché da quel luogo non si organizzano solamente le ronde per i senzatetto. Lì si raccolgono di volta in volta i pasti da distribuire, oltre al cibo da consegnare quotidianamente alle famiglie in difficoltà.

Impossibile far coesistere questo aspetto, relegandolo in una parte della sede, svolgendo dall’altra le attività di revisione sulle automobili. Da qui la necessità di spostarsi e trovare una nuova sede, chiedendo una mano a tutti quelli che in questi anni hanno avuto modo di apprezzare e sostenere il lavoro svolto da Sabrina e dalla sua onlus. Col Comune in testa, che su Anirbas fa abitualmente affidamento mandando dai volontari moltissime persone bisognose che si rivolgono, in prima battuta, all'amministrazione. «In sostanza sono di fronte a una scelta paradossale - spiega -: o decido di non aprire l’officina e restare disoccupata, tenendo in piedi la onlus e continuando a pagare 1500 euro di affitto. Oppure inizio a lavorare ma dico addio all'associazione, che non avrebbe più una sede».

Un aut aut che chiaramente per Sabrina Ciulla è fuori discussione. Impensabile, infatti, l’ipotesi di chiudere i battenti e dare l’addio ad Anirbas, attività messa in piedi con le sue sole forze e affrontando non pochi sacrifici, che vanta ormai l’appoggio e la stima di centinaia di volontari che ci mettono a loro volta la faccia, e di altre realtà cittadine, soprattutto private, che in più occasioni hanno dato il loro personale appoggio alle iniziative della onlus. Ultima, in ordine di tempo, quella dell’arrustuta del 25 aprile per circa duecento senzatetto della città, organizzata alla stazione centrale e giunta alla quinta edizione. «Basterebbe anche una stanza dove poter conservare tutto il cibo che diamo alle persone, non c’è un buco in cui potremmo adattarci?». Anirbas non è solo un’associazione no profit che fa volontariato, per chi l’ha fondata cinque anni fa partendo dall'invertire semplicemente le lettere del proprio nome è soprattutto una scelta di vita.

«Ho guadagnato negli anni, ho sempre potuto campare, ma avere dei soldi in tasca non mi ha reso comunque appagata, non mi ha reso felice. Occuparmi di chi ha bisogno, invece, sì», ha sempre detto Sabrina. D’altra parte, però, non si campa d’aria, come si dice in gergo. E il volontariato con Anirbas, per quanto pezzo fondamentale della sua vita, non può prescindere anche dall'avere un lavoro. Quello che da mesi, ormai, rimane in stand by per via del mancato cambio di sede. «Non possono rilasciarmi le autorizzazioni, ovviamente, se mantengo qui l’associazione», spiega infatti. Quello che si domanda lei, adesso, è se sia necessario dover rinunciare per forza all’una o all’altra cosa. Possibile che non si ci si possa dedicare ai più fragili potendo allo stesso tempo lavorare? Affrontando in autonomia, anche, tutte quelle spese che un’attività del genere comporta, ma di cui molto spesso non si parla. «Siamo una macchina che muove solidarietà, qualcuno ci aiuti».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.