Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Zamparini e la storia rosanero durata ben 16 anni
Più luci che ombre nell'epopea del patron friulano?

Dall'altare alla polvere, la parabola del presidente del Palermo è finita con gli arresti domiciliari decisi dalla Corte di Cassazione. Dal rilancio del club alla serie A, all'Europa League e alla finale di Coppa Italia fino al declino con le difficoltà economiche e le inchieste 

Fabio Geraci

Dall'altare alla polvere, dalle stelle alle stalle. La parabola di Maurizio Zamparini a Palermo è finita con la decisione degli arresti domiciliari pronunciata dalla Corte di Cassazione. Una fine forse ingloriosa per l'imprenditore friulano accolto a Palermo come il salvatore della patria sportiva. Il Palermo, in cattive acque nonostante la gestione dell'ex presidente della Roma, Franco Sensi, aveva bisogno di forze fresche e fu proprio Zamparini, reduce dall'addio al Venezia, a portarle nelle asfittiche casse rosanero. In effetti le prime mosse del re dei centri commerciali, costruiti, gestiti e venduti per mille miliardi di lire, sono state esplosive.

Era il 21 giugno del 2002 quando Zampa acquistò la società per 15 milioni, un anno di purgatorio e poi la serie A, attesa da 31 anni, con Guidolin in panchina. Successi a ripetizione, pure la storica qualificazione in Europa League e città innamorata tanto da offrirgli perfino la cittadinanza onoraria. Nel 2011 l'apoteosi della finale di Coppa Italia contro l'Inter, con migliaia di palermitani a Roma per vendicare le sconfitte dolorose di un Palermo che fu ad opera di Bologna e Juventus. 

Non ci riuscì e fu l'inizio della fine. Rimangono solo un ricordo l'arrivo di stelle come Toni, Amauri, Pastore, Cavani, Miccoli, Dybala, intuizioni da grande fiuto calcistico peraltro rivendute a peso d'oro. O anche i quattro giocatori del Palermo convocati nell'Italia che vinse il Mondiale nel 2006 (Zaccardo, Grosso, Barzagli, Barone), o le vittorie contro la Juventus e l'epopea di una squadra che poteva giocarsela su ogni campo della serie A. 

Il declino del Palermo del Zamparini mangia allenatori (ne ha esonerati ben 29 in rosanero) è lento ma purtroppo costante: da club modello con il miglior bilancio (2009) e fabbrica di campioni, alle difficoltà economiche degli ultimi anni, ai minori investimenti, alle retrocessioni in B e alla sempre minore fiducia degli appassionati verso il proprietario, ormai contestato apertamente dai tifosi, contro il quale è stato realizzato un vero e proprio sciopero del tifo

Il tira e molla per la vendita del Palermo, durato troppo tempo, ha fatto il resto azzerando il rapporto con la città, che ormai non lo ama più, fino alla recente e ingarbugliata cessione agli inglesi (ancora da chiarire del tutto), alla situazione con la magistratura e alla decisione degli arresti domiciliari. Più luci che ombre per il presidente-proprietario che per 16 anni ha guidato il Palermo? Una domanda che, per ora, resta senza risposta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews