Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Pizzo, c'è chi si ribella e chi cede al ricatto della mafia
«O si denuncia o si viene scoperti, il silenzio è complice»

Dall'operazione Cupola 2.0 viene fuori una mappa di chi ancora si piega alle estorsioni di Cosa nostra. Ma anche le storie di chi dice no ciascuno a suo modo. L'imprenditore Gianluca Maria Calì esorta i colleghi a «non fare il gioco dei mafiosi»

Andrea Turco

Racket, pizzo, estorsione: comunque lo si chiami, resta il business preferito dalla mafia. La clamorosa operazione della Direzione Distrettuale Antimafia che ha smantellato il tentativo di restaurazione della Cupola mafiosa ha confermato, se mai ce ne fosse bisogno, che il pizzo resta non solo una delle più diffuse forme di reddito per le cosche ma che rimane una odiosa modalità di controllo del territorio. E, come scrivono gli inquirenti, «finisce con l’accrescere l’autorità e il prestigio di chi lo impone». Insomma: se sai taglieggiare i commercianti in Cosa nostra fai carriera

Ne è un esempio la vicenda che vede protagonista Rubens D'Agostino. Presunto affiliato alla famiglia mafiosa di Porta Nuova e responsabile, secondo le indagini, del racket della zona. E quando una vittima gli manifesta le proprie difficoltà a fronteggiare le richieste estorsive («non ce la faccio più»), D'Agostino non fa una piega e risponde: «e che minchia vuoi, te ne vai da Palermo». Segno dunque che non c'è spazio per l'umana pietà nel mandamento di Porta Nuova, definito dagli investigatori una «vera e propria holding del crimine con interessi in ogni ambito criminale». 

A leggere le 3326 pagine dell'ordinanza con la quale sono stati disposti 46 arresti si può tracciare una mappa di chi ha scelto negli anni di pagare.  Ma, seppur minori, cominciano a spuntare anche vari commercianti che superano la paura e decidono di denunciare. Ciascuno si ribella a suo modo. Francesco Massaro, ad esempio, titolare dell'omonimo bar in via Basile nel 2015 rispolvera il passato da cronista del Giornale di Sicilia e si rivolge alla stampa. Dopo la settima rapina in sette mesi - che lo porta a interpretare le azioni particolarmente vessatorie come un'indotta richiesta di pizzo - scrive ai giornali ribadendo che non si sarebbe «mai abbassato ad accondiscendere alle richieste di alcuno». E, secondo il suo racconto, nessuno si avvicina (anche se le rapine continuano: l'ultima, eclatante, lo scorso febbraio ad opera di sette persone incappucciate).

C'è chi invece è ancora più netto. È il caso di Giuseppe Piraino, titolare e amministratore unico della ditta Mosina Costruzioni srl. A settembre del 2018 sceglie di recarsi presso il comando provinciale dei carabinieri per denunciare un tentativo di estorsione. La sua ditta sta effettuando dei lavori di ristrutturazione presso uno stabile a piazza Monte di Pietà, nel cuore del quartiere Capo. I suoi operai gli raccontano che da alcuni giorni un uomo, poi identificato in Luigi Marino, chiede chi sia il titolare della ditta e lancia sguardi minacciosi. Piraino, per nulla intimorito, decide di affrontarlo. Porta con  un registratore e, a piazza Beati Paoli, incontra l'uomo che subito lo aggredisce. «Lei non lo sa come ci si comporta? Quando si va a casa degli ospiti si bussa». Una frase inequivocabile alla quale Piraino risponde: «ha sbagliato persona, io sono per la legalità, faccia conto che lei ha uno sbirro davanti, ho un ex carabiniere in famiglia».

Segnali ancora individuali, certamente, ma che incoraggiano. Il comandante dei carabinieri Antonio Di Stasio, che ha parlato di una «piena collaborazione dei commercianti che avevano subito richieste di pizzo»  e di «un passo avanti»,  tanto da parlare di «una rottura del muro di omertà». E a guardare positivamente all'azione dei colleghi è Gianluca Maria Calì, imprenditore palermitano da sempre in prima fila nella lotta alla mafia, che ha fatto in un certo senso da apripista. «Chi non denuncia fa il gioco dei mafiosi, il silenzio è complice - dice il titolare dell'autosalone in viale Regione Siciliananei pressi dello svincolo di Bonagia - Magari tra i commercianti c'è chi pensa che rimanere tranquilli, pagare senza dire nulla, non fa nulla di male. Ma da operazioni come queste è evidente che i commercianti o denunciano o vengono scoperti. Perché tra le abilità degli investigatori, le intercettazioni, le dichiarazioni dei collaboratori e i pizzini è facile scoprire chi paga e chi no. A questo punto allora meglio denunciare prima».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Elezioni comunali 2017 in Sicilia

Si vota l'11 giugno 2017 in 132 Comuni in tutta l'Isola, che dovranno eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Tra le sfide più importanti Palermo e Trapani. Nel Messinese occhi puntati su Cesarò e Lipari, nell'Agrigentino su Sciacca, nel Catanese su Paternò e ...

I siciliani a Rio 2016

Alle Olimpiadi di Rio De Janeiro, tra gli atleti italiani, anche diversi siciliani. Un viaggio lungo, fatto anche delle loro storie

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email