Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Mafia, pentito telefona a imprenditore che denunciò pizzo
«C’era una calibro 45 pronta per essere usata contro di me»

A essere contattato dall'ex uomo di Cosa nostra, prima via Facebook e poi al telefono, è Gianluca Maria Calì, che si è ribellato al racket delle estorsioni. «All'inizio ho vissuto attimi di scoramento, subito fugati dall'incontro con carabinieri e magistrati»

Silvia Buffa

«Sono scosso, fonte attendibile mi dice che c’era una pistola calibro 45 con 7 proiettili autoesplodenti pronta per essere usata contro di me ad Altavilla Milicia, ma grazie ai carabinieri che sono arrivati prima questo progetto è stato sventato». A renderlo noto, attraverso Facebook, è Gianluca Maria Calì, imprenditore palermitano che ha denunciato il pizzo e le ritorsioni subite. E che ha appreso questi dettagli da un pentito che lo ha contattato prima attraverso un profilo falso sui social e poi via telefono. «Un’altra cosa ancora più terrificante è sapere che a Milano c’è una pistola Beretta nella disponibilità di chi mi potrebbe volere male, pronta per essere usata», città dove l'imprenditore si reca spesso per lavoro e dove Cosa nostra ha pensato di ucciderlo, allontanando da sé i sospetti di un attentato di stampo mafioso. Un dettaglio, anche questo, che arriva dall’inaspettato informatore.

L’uomo lo ha contattato prima attraverso Facebook, utilizzando uno pseudonimo. Poi i due si sono parlati al telefono e il pentito ha rivelato la sua identità, presentandosi e uscendo finalmente allo scoperto. «Da subito ha dato dati precisi e circostanziati», spiega Calì. Che non ha avuto il tempo di dubitare se si trattasse per davvero di un pentito, un ex mafioso. «Mi ha dato dei riscontri e comunque ho dato tutte le informazioni necessarie ai carabinieri - dice infatti -. Ha detto che mi stima e come me, ora che si è pentito, vuole eliminare la feccia mafiosa. Mi ha riferito cose che conosceva personalmente, come alcuni dettagli sull'incendio che ho subito e sui mandanti». Tutto riportato, subito dopo, alle autorità. «Voglio far presente che i carabinieri e i magistrati come sempre arrivano prima, per cui chi ha progetti criminosi deve sapere che certamente viene assicurato alla giustizia. Anche i collaboratori come i testimoni di giustizia sono un perno fondamentale perché ogni cosa faccia il giusto corso».

Durante la telefonata l’uomo ha rivelato anche altri particolari, come quello di Milano. Il suo omicidio «doveva essere un grande regalo alla famiglia mafiosa di Bagheria, perché Gianluca Maria Calì “è il numero uno degli sbirri”. Felice di essere sbirro - commenta lui - e grazie di cuore ai carabinieri e alla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo per il loro impegno e professionalità», dice adesso pubblicamente l'imprenditore, che si è rivolto subito alle autorità. Malgrado, però, abbia mantenuto lucidità e sangue freddo, Calì non nasconde di essere stato attraversato da tantissime sensazioni. «Ho provato attimi di scoramento - rivela -, fugati poi grazie alla professionalità dei carabinieri e dei magistrati». Le indagini adesso dovranno fare chiarezza sulle informazioni raccontate a Calì dal pentito. «Purtroppo, come dice anche il collaboratore di giustizia, rappresento un obiettivo da colpire perché sono il numero uno degli sbirri (ribadisco, felice di esserlo) e andrò avanti a fare il mio dovere morale e civile per tutta la vita».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews