Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

I beni culturali siciliani e il nuovo boom delle case museo
Icom: «Bene, ma servono le professionalità adeguate»

Dalla casa di Verga a quella di Pirandello, passando per le tre prossime new entry: la casa che ospitò Pascoli a Messina, quella di Quasimodo e persino l'abitazione dei genitori di Majorana, nel paese di Musumeci: da qui passa la strategia della Regione

Gabriele Ruggieri

Il cambio di registro dei Beni culturali di cui parlava Nello Musumeci passa anche dalla nuova stagione delle case museo. Forse decisiva è stata la travagliata ma proficua esperienza della casa di Luigi Pirandello, con i lavori di ristrutturazione interrotti da diverse beghe, ma che alla fine hanno portato l'abitazione in contrada Caos, tra Agrigento e Porto Empedocle, a essere finalmente un esempio per le strutture museali siciliane, anche se a oggi, a meno di un mese dalla sua riapertura, la struttura non presenta ancora neanche un proprio sito internet dedicato, se non qualche pagina con informazioni sul costo dei biglietti e sugli orari di apertura. Nel frattempo il numero delle case museo sta rapidamente crescendo e a casa Capuana a Mineo, casa VergaCasa Bellini a Catania, alla casa di Franca Florio a Palermo, si stanno per aggiungere la casa di Salvatore Quasimodo a Modica, l'abitazione dove Giovanni Pascoli trascorse i suoi quattro anni messinesi e persino la casa dei genitori del fisico Ettore Majorana, in contrada Corte Bianca a Militello in Val di Catania, paese del presidente della Regione. 

Una pioggia di finanziamenti, basti pensare che per il solo acquisto dell'appartamento di Messina e della casa di Quasimodo serviranno rispettivamente 159mila e 220mila euro, a cui si andranno ad aggiungere spese per i lavori di ristrutturazione, adeguamento per la fruizione ai disabili, allestimento, oltre che l'assunzione o la destinazione di personale regionale come custodi e guide, finalizzata alla creazione di una vera e propria rete siciliana delle case museo. Il problema centrale, tuttavia, resta la creazione di un interesse tale che spinga anzitutto i siciliani - poco avvezzi secondo le statistiche sul turismo museale nella loro terra - e poi i turisti a fruire delle nuove strutture, così come di quelle già esistenti.

«Se l'hardware dei musei sono le opere, il patrimonio materiale, il software sono i professionisti e le professioniste che vi lavorano - dice Francesco Mannino, coordinatore per la Sicilia dell'International council of museums, intervenuto in diretta alla trasmissione Direttora d'aria, su radio Fantastica Rmb - Su questo gli investimenti sono bassissimi, tendenti a zero. C'è un personale regionale stremato perché non c'è un rinnovo, non c'è un turnover. Esiste inoltre tutta una serie di figure, dagli archeologi agli storici dell'arte, ai curatori, mediatori culturali, agli educatori museali, che il dibattito nazionale e internazionale dei musei considera centrali per cominciare a parlare di linguaggi di accessibilità che permettano a quella gran parte di popolazione che nei musei non ci mette piede, di cominciare a guardarli come luoghi importanti per la propria vita».

Mannino tuttavia si dice favorevole alla linea della Regione e alla rinnovata passione da parte dei palazzo d'Orleans verso le case museo. «Non trovo mai sbagliata l’idea di raccogliere il sapere e la biografia di un personaggio e farlo diventare centro di interesse - sottolinea Mannino - ma la domanda è sempre la stessa: rivolta a chi? Molto spesso il dibattito museale guarda se stesso allo specchio e non ai fruitori. Se ti rivolgi a ragazzi con età compresa tra i sei e i 18 anni - aggiunge -, per esempio, devi ragionare sul tema dei linguaggi, sul tema dell’attinenza al loro presente. Il tema del rapporto col contemporaneo nella museologia è diventato centralissimo».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×