Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

A Bagheria l'unico centro in Sicilia per uomini maltrattanti
«Il primo passo è che si riconoscano come autori di violenza»

In questi anni ha accolto un centinaio di utenti. «Si pensa siano stranieri o con problemi mentali, invece - spiega la coordinatrice - sono adulti cordiali che parlano a bassa voce, piangono e spesso hanno traumi alle spalle». Approvata apertura a Palermo e a Catania

Marta Silvestre

La violenza sulle donne è un problema maschile. Spesso l'accento si pone sulle vittime, su quello che dovrebbero fare, su come e quando dovrebbero denunciare. Più complicato è pensare a come agire sugli uomini che hanno fatto violenza su quelle donne. Per questo a Bagheria nel 2015 è nato un centro di ascolto, sostegno e cura per gli uomini maltrattanti che al momento è l'unico in Sicilia. «Uno spazio in cui innanzitutto gli uomini accettano la definizione di maltrattanti e di autori di violenza», ha spiegato durante la trasmissione Direttora D'aria la sociologa Anna Amoroso, coordinatrice del centro. «Dopo anni di interventi educativi e progettuali a favore delle donne vittime, abbiamo capito che bisognava andare all'origine della violenza per provare a intervenire in maniera preventiva». 

Anche perché le altre misure di prevenzione, dal divieto di avvicinamento al braccialetto elettronicosi sono spesso rivelate inefficaci. «Sono misure quasi simboliche - ha ammesso l'avvocato, criminologo e sociologo Roberto Gennaro - che vogliono dare l'idea che la giustizia si occupi di questo tema ma senza arrivare ad avere concreti effetti reali». Il problema, specie in territori di piccole dimensioni, è che anche costringendo l'uomo a indossare un braccialetto - collegato a un ricevitore che la vittima deve portare con sé - le distanze non consentirebbero azioni delle forze dell'ordine in tempi utili. Al di là dell'aspetto giuridico e repressivo, bisogna lavorare a livello sociale e culturale. 

In questi primi sei anni, sono stati un centinaio gli uomini presi in carico dal centro. «Spesso prevale il pregiudizio che si tratti di stranieri, squilibrati, uomini pericolosi o con problemi di salute mentale e, invece - ha detto la coordinatrice - ci ritroviamo davanti uomini adulti che parlano a bassa voce dei loro sentimenti, che ci cedono la parola cordialmente, che ci chiedono scusa se ci interrompono nel discorso e che si emozionano mentre raccontano le loro storie». In tutte c'è un minimo comune denominatore: «Un vissuto difficile con traumi che questi uomini si portano dietro - ha sottolineato Amoroso - Condizioni che, in ogni caso, non giustificano i loro comportamenti violenti». Ma di cui bisogna tenere conto per affrontare e tentare di risolvere la questione in modo completo partendo dall'origine delle cause. «Mi è rimasta impressa la storia di uno degli uomini più anziani che abbiamo accolto: durante una terapia di gruppo, ha raccontato di quando il padre lo legava con la cintura e lo chiudeva in una stanzetta al buio per costringerlo ad ascoltare mentre la madre veniva picchiata. E poi ha detto: "Io sono qui perché sono stanco di vedere su mia moglie le cicatrici, anche quelle che non rimangono sul corpo"». 

Ci sono uomini che sono arrivati volontariamente al centro e altri tramite il tribunale di sorveglianza per una sentenza da mettere in atto. Dopo un primo colloquio, gli operatori scelgono se indirizzarli ai laboratori di gruppo o a un percorso individuale. «In entrambi i casi, lavoriamo soprattutto sul fare prendere consapevolezza a questi uomini del fatto che esistono relazioni affettive non violente». Un primo passo che ha la capacità di indirizzare tutti i successivi e di cambiare il futuro di questi uomini e delle donne che avranno accanto. «Ed è soprattutto per questo che siamo soddisfatti di potere annunciare - ha anticipato Amoroso - una notizia che abbiamo ricevuto tre giorni fa: l'approvazione da parte del ministero per le Pari opportunità di un progetto per l'apertura di altri due centri di ascolto per uomini maltrattanti, uno a Palermo e uno a Catania. Quello a cui puntiamo però - ha concluso la sociologa - è che diventi un servizio permanente». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×