Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Pari contro l'Avellino, i rosa masticano amaro
Filippi: «Il rigore fischiato è una roba assurda»

Il tecnico fatica a digerire l'episodio costato la massima punizione trasformata dall'esterno sinistro Tito, autore del definitivo 1-1 dopo il vantaggio del Palermo con un colpo di testa del difensore Lancini. Il risultato, comunque, rispecchia l'andamento della gara

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

C’è un vincitore nella gara Palermo-Avellino disputata allo stadio Renzo Barbera e valida per la dodicesima giornata del girone C. E’ l’equilibrio, fattore che ha fatto da filo conduttore ad una gara (1-1) combattuta e nella quale le due squadre si sono divise la posta in palio al culmine di una sfida ad armi pari in termini di intensità e ardore agonistico. Premessa doverosa al netto di episodi come il rigore che l'arbitro ha concesso agli irpini (e trasformato al 77' dall'esterno sinistro Tito) per un presunto fallo del difensore Peretti ai danni di Plescia e che ha determinato il verdetto del terreno di gioco.

«Il rigore è una roba assurda – ha dichiarato nel post-gara il tecnico rosanero Filippi – io di solito non commento l’operato del direttore di gara ma in questo caso faccio un’eccezione dicendo che una squadra non può essere penalizzata da un errore così evidente e grossolano. E a proposito di condotta arbitrale aggiungo che, a mio avviso, il fallo di Silvestri su Soleri lanciato a rete andava punito con l’espulsione e non con il cartellino giallo. I due pali colpiti dall’Avellino? Situazioni che fanno parte di una partita – prosegue Filippi riferendosi ai legni centrati dagli ospiti con il palermitano Di Gaudio, uno dei più ispirati nella formazione biancoverde in campo con un 4-4-1-1 al cospetto dell’iniziale 4-3-1-2 del Palermo, protagonista in occasione del primo episodio - I pali delle porte ci sono e non possono essere tolti…».

Trasudano delusione ed amarezza le parole dell’allenatore siciliano per l’epilogo di una gara che sembrava ormai incanalata sui binari dei padroni di casa: «C’è rammarico anche perché secondo me abbiamo disputato un’ottima partita e abbiamo cercato di vincere fino alla fine contro una squadra di primo livello. Purtroppo episodi a noi sfavorevoli hanno condizionato l’esito dell’incontro». Mastica amaro anche il difensore Lancini anche se l’autore del momentaneo 1-0 - rete al 14' del primo tempo con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo - preferisce bypassare l’episodio relativo al rigore fischiato a favore della compagine guidata da Braglia: «Non voglio commentare il penalty e voglio focalizzare l’attenzione sulla buona prestazione fornita contro una delle squadre più forti di questo girone. C’è molta amarezza perché abbiamo creduto nella possibilità di vincere e perché ritengo che sono stati buttati via due punti. Resta, in ogni caso, la consapevolezza dei nostri mezzi e il fatto che ce la possiamo giocare contro tutti. Dobbiamo continuare su questa strada, lavorare e cercare di diminuire gli errori per potere creare le condizioni per un grande campionato».

Il numero 79 rosanero, che ha realizzato il suo primo gol in questo campionato, si è trovato a suo agio in un sistema di gioco con la retroguardia a quattro, una delle basi su cui i rosa hanno impostato una partita giocata con grinta e coraggio contro una diretta concorrente (e terminata con entrambe le squadre in dieci per le espulsioni prima di Doda e poi di Rizzo) ma nella quale, tra pali colpiti e interventi dell'estremo difensore Pelagotti al quale evidentemente ha fatto bene la visita in città nei giorni scorsi del suo agente ed ex portiere rosanero Sorrentino, ai punti gli ospiti avrebbero meritato probabilmente qualcosa in più in virtù di un indice di pericolosità decisamente più alto rispetto a quello degli uomini di Filippi.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×