Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Grande folla per il Pride dopo due anni di silenzio
Milani: «Alla nostra identità non rinunceremo mai»

Migliaia di persone per la prima manifestazione di piazza autorizzata dell'epoca post Covid. Carollo: «Con la pandemia per alcuni di noi è stato un coming out costante, dovendo sempre esibire identità che non ci si è scelti

Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

«Eravamo rimasti al 2019 con la promessa di vederci dopo per il decennale, ma non è stato possibile per la pandemia. E adesso siamo qui». Parola di Luigi Carollo, portavoce del Palermo Pride che è tornato dopo l'assenza per le restrizioni sanitarie e lo ha fatto in grande stile. Oltre duemila persone alla partenza dal Foro Italico per la prima manifestazione autorizzata nell'era del post Covid a Palermo. Tante altre se ne sono aggiunte durante il percorso e infine il bagno di folla all'arrivo. Un successo che arriva all'indomani dalla bocciatura da parte del Senato del Ddl Zan contro l'omotransfobia. Un te. 

Ma la politica sta solo sullo striscione d'apertura del corteo, con la scritta «Fascisti tremate, le streghe sono tornate», non dietro. Uno striscione che non era sorretto come negli anni passati dal sindaco Leoluca Orlando, che pure era alla manifestazione insieme a diversi assessori della giunta palermitana. «Non è una polemica - dice Massimo Milani, cofondatrice di Arcigay - Solo non ci sembrava il caso, il momento». Anche la Comunità Lgbtqi è stata messa a dura prova da questi ultimi due anni, anche se qualcuno ha pagato un prezzo più caro di altri. 

«Ci sono state persone trans che hanno vissuto la pandemia col ricatto di un costante coming out - dice ancora Carollo - Camminare con foglietti in cui spiegavi perché eri fuori casa, poi i vaccini, poi il Green pass, per persone che hanno un’identità anagrafica che non è quella che hanno scelto è essere sottoposti a un’umiliazione quotidiana». E c'era anche chi si ha ceduto alla commozione nella nutrita platea che ha seguito i tre carri del Pride, dove ovviamente il tema più utilizzato su slogan e cartelloni era incentrato sulla cronaca politica delle ultime giornate.

«La maggioranza del popolo italiano vuole riconoscere i diritti ed è una minoranza senza dignità che nel segreto dell’urna boccia un percorso - spiega Leoluca Orlando - Palermo si riconferma la Palermo dei diritti nel momento in cui il Parlamento ha scritto una pagina nera proprio per i diritti di questo Paese e questo comportamento è chiaramente eversivo». Parole a cui fanno eco quelle di Milani: «Questi cadaveri che banchettano sui nostri corpi feriti sono allo stremo, non ce la fanno più. La causa della caduta di questa legge è l’identità di genere, noi alla nostra identità non rinunceremo mai, alla nostra autodeterminazione, a volere essere ciò che vogliamo. Nessuno ci può impedire di essere ciò che vogliamo».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×