Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

La storia del mago Atanus diventa film con lui protagonista
Regista: «Scelto perché reduce di un mondo che non c'è più»

Achille Sidoti interpreta se stesso in Divinazioni, che è già nelle sale cinematografiche. «Raccontiamo quello che rimane di un personaggio che ha vissuto al limite per tutta la vita», dice a MeridioNews il regista agrigentino Leandro Picarella

Maria Vera Genchi

Perché siamo così? Da dove veniamo? Perché il siciliano ha determinate caratteristiche? Sono queste le domande da cui è partito il regista agrigentino Leandro Picarella che, tra un saggio dell'antropologo Enrico De Martino e un film di Vittorio De Seta, ha partorito le idee per mettere su una trilogia film-documentaristica sul mondo del magico e del sacro in Sicilia. Dopo Triokala, dal 26 ottobre è arrivato nelle sale Divinazioni, il secondo capitolo con Achille Sidoti, in arte il mago Atanus, nel ruolo di se stesso. «Mi interessava scoprire - spiega a MeridioNews il regista - cosa ancora permanesse di tutto ciò che fa parte della nostra cultura antica per comprendere il nostro presente».

Prodotto da Qoomoon e Rai Cinema in co-produzione con Les Films d’Ici Méditerranée. Finalista ai Nastri d’argento Doc 2021, dopo essere stato selezionato in prestigiosi festival nazionali e internazionali tra cui Festival dei Popoli 2020, Idfa Documentary Film Festival Amsterdam 2020 e Trieste Film Festival 2021, risultando vincitore del premio Tënk Europe, il film è arrivato nelle sale italiane co-distribuito dalla casa di distribuzione indipendente Reading Bloom e da PostModernissimo di Perugia. «Ho vissuto tanti anni fuori - racconta Picarella - sono tornato in Sicilia per il Centro sperimentale di cinematografia e ho cercato di fare coincidere gli anni di studio con la scoperta della mia terra. Essendo la filosofia e l'umanità gli argomenti basilari della mia ricerca, mi sembrava interessante lavorare su ciò che rimane di una storia millenaria».

Il regista agrigentino spiega la genesi del suo lavoro: «Si parla tanto della Grecia, degli arabi, della nostra cultura, dei Normanni, dei nostri siti archeologici, di tutto questo grande incredibile patrimonio che abbiamo. Restava da scoprire quanto, di tutto ciò che fa parte della sua storia, fosse ancora vivo, resistesse». Dopo il film del 2015, un documentario  ambientato a Caltabellotta - un piccolo paesino di montagna che conserva una ritualità legata ai cicli della natura -è arrivata l'idea di coinvolgere il mago Atanus in persona per un film ibrido tra documentario e finzione che esplora ciò che della ritualità magica rimane in un contesto cittadino. «Divinazioni non è un docufilm né una docu-fiction - ci tende a precisare Picarella - Parte da una forte aderenza al reale per arrivare, seguendo un percorso ascendente nel corso del film, alla finzione pura». Simbolico, in tal senso, il monologo tratto da alcuni passi di Empedocle, letto fuori campo da Mimmo Cuticchio. «Il filosofo greco - spiega il regista - afferma che non c'è nascita né morte alcuna, ma solo unione e cambiamento, mescolanza di elementi. Quindi l'idea che realtà e finzione, tutto quello che possiamo immaginare e che vediamo, in realtà, proviene da una mescolanza di elementi». 

Anche nel corso del film, realtà e finzione tendono a mescolarsi fino a esplorare luoghi evocativi, intrisi di finzione estrema. «Il film - spiega il regista - comincia dal carcere di Rebibbia, il luogo da dove il nostro protagonista, Achille Sidoti, esce dopo un lungo periodo di detenzione, senza specificarne i motivi, e finisce nel cuore dell'Etna dove si dice risieda da sempre l'essenza esoterica della Sicilia». Due i protagonisti: Achille, il celebre e televisivo mago Atanus di ritorno, dopo un lungo periodo di detenzione, alla società; e Moka, un collaboratore del mago, deputato alla costruzione di talismani in rame, con una sua spiritualità diversa e particolare. Ma perché proprio la scelta del mago Atanus per rappresentare una certa ritualità popolare? «All'indomani della menzione speciale di Triokala a Visions du Réel, il Festival Internazionale di Cinema di Nyon - racconta Picarella - mi sono imbattuto in vecchie immagini televisive di cartomanti su internet». Da qui l'idea di realizzare il capitolo due della trilogia, partendo dalla storia di un mago. «Sono stato alla ricerca di maghi e cartomanti ancora attivi, ne ho incontrato diversi - ammette - poi, però, quando ho incontrato Achille Sidoti è stato amore a prima vista: era lui! Ha nel suo modo di fare e di parlare quella postura che mi interessava: quella del reduce, di chi ritorna dopo tanti anni alla vita civile e, nonostante le ferite del passato, si sforza a sopravvivere».

Divinazioni non è un film sul mago Atanus, né sulla sua storia e trascende da ogni giudizio sul personaggio. «È un film che ha come protagonista Achille Sidoti - ci tiene a precisare il regista - diverso cioè tutto da ciò che è stato. Noi non raccontiamo il mago Atanus degli anni '80 o '90, raccontiamo quello che rimane di un personaggio che ha vissuto al limite per tutta la vita e che oggi è, in qualche modo, una sorta di reduce di quel mondo lì: del mondo delle tv locali, delle tv private, ma anche di una certa faciloneria, di una certa umanità che si è sempre rivolta a personaggi del genere pur considerandoli poco credibili. Lo scopo di questo lavoro - conclude - è analizzare e documentare questo mondo, interrogandosi sul desiderio di sacralità insito nell'essere umano».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×