Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Zampino di Cosa nostra nella produzione di pizze e cannoli
La mediazione tra bar e panificio. «È venuto chi comanda»

Nelle carte dell'inchiesta Persefone gli inquirenti ricostruiscono la tensione tra due attività commerciali di Bagheria. In mezzo sono finiti i padrini, con i proprietari che hanno negato di avere subito intimidazioni

Dario De Luca

Estorsioni, appalti ma anche pizzette, cannoli e cassate. Cosa nostra continua a puntare sulla presenza nel territorio e così a Bagheria sembra essere tornata la mafia di una volta. È il 31 marzo 2019 quando dentro una Fiat Panda c'è seduto Carmelo Fricano, imprenditore edile molto noto in città, da tutti conosciuto con l'appellativo di «mezzo chilo». Per gli investigatori è un personaggio che gravita nel mondo mafioso, tanto da essere considerato vicino allo storico capo mandamento Leonardo Greco

In macchina però Fricano sembrerebbe parlare di tutt'altro: «Hanno avuto questioni con quello del forno, che non deve fare dolci e cose», racconta al suo interlocutore. «Ma tu chi minchia sei che quello non deve fare dolci?», continua l'imprenditore. Gli investigatori cercano di mettere insieme i pezzi di questa chiacchierata e scoprono che dietro il forno e i dolci da non vendere ci sarebbe stata un'estorsione che avrebbe avuto tra i protagonisti Onofrio Gino Catalano, considerato per un certo periodo il reggente della famiglia di Cosa nostra a Bagheria

Dietro l'intervento di Catalano, stando alla ricostruzione degli investigatori nelle carte dell'inchiesta Persefone, ci sarebbe stata l'esplicita richiesta del titolare di un bar che si trova a pochi metri di distanza da un panificio gestito da una coppia di coniugi. Semplice concorrenza tra commercianti in cui avrebbe messo lo zampino Cosa nostra. «Non deve fare i dolci - continua Fricano riferendosi al panificio - perché c'è quello di lato». L'imprenditore è particolarmente interessato alla vicenda non per questioni di palato ma perché la bottega del panificio è di proprietà della figlia. Fricano racconta di avere discusso animatamente con Catalano: «Ci sono andato io - racconta - gli ho detto "ma tu chi minchia sei?" Gli ho detto "vai a rompere la minchia" gli ho detto "a casa mia"».

Prima di arrivare allo scontro ci sarebbe stata anche una sorta di corsa al ribasso dei prezzi di cassate e cannoli. «Già li avevamo a 1,50 euro e lui li metteva a un 1,30 euro - racconta una donna a Fricano - Noi altri li abbiamo messi 1,30 euro e loro li hanno messi a un euro e quindi abbiamo dovuto fare tutto a un euro». Convocati dai carabinieri i proprietari del panificio hanno negato di essere sotto estorsione ma confermato di avere interrotto la produzione in pasticceria a febbraio 2019. Il motivo? «Non c'era una grande vendita - raccontano agli inquirenti - ma credo anche che la gente preferisca acquistare la pasticceria al bar di fronte al panificio». 

Dalle intercettazioni emerge però un quadro diverso. Il proprietario del panificio avrebbe partecipato a un summit, insieme a Fricano, all'interno del bar, con l'obiettivo di discutere la richiesta di fermare la produzione di dolci. In quel contesto, insieme ad altre persone presenti, si sarebbe arrivati all'accordo: «"Tu ti togli il fatto delle cose ... e lui si toglie le pizze" e così ho fatto». Mediazione andata e buon fine anche perché «quando il sole aggiorna, aggiorna per tutti».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×