Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Statua Di Matteo viene coperta: mancano documenti
Centro Impastato: «Nell'attesa esporla a Palermo»

L'opera in bronzo dell'artista di Corleone Nicolò Governali torna a essere avvolta in un lenzuolo dopo che il 30 luglio era stata collocata nel Comune di San Giuseppe Jato. «Non sono stato supportato», afferma l'ex commissario

Redazione

Il sacrificio di Giuseppe Di Matteo, rapito l'11 gennaio del 1993 all'età di 12 anni e morto per mano mafiosa dopo una prigionia di 779 giorni, è stato da sempre un simbolo dell'efferatezza e della crudeltà dei mafiosi, che ai tempi non ebbero pietà del figlio di Santino, uomo che aveva iniziato a collaborare con gli investigatori. In memoria del bambino considerato un martire nelle mani di Cosa nostra era stata realizzata una statua da collocare nel palazzo comunale di San Giuseppe Jato. La riproduzione in bronzo era stata scoperta al pubblico lo scorso 30 luglio, ma adesso, come riporta Repubblica Palermo, è stata riavvolta in un lenzuolo perché mancherebbero alcuni documenti, nello specifico, a non esserci sarebbe una delibera.

L'opera, realizzata da Nicolò Governali quando a commissariare il Comune sciolto per mafia era Salvatore Graziano, adesso attende di avere il giusto merito ed essere esposta al pubblico nel Comune che oggi è retto da tre commissari nominati dal governo nazionale. Lo zio del piccolo Di Matteo, Nunzio, che lavora al Provveditorato delle opere pubbliche spiega che «Graziano aveva dato il via libera all'installazione, poi nei giorni scorsi - dichiara - ha chiamato per dire che dovevamo toglierla. Ma io non ho alcuna intenzione, quella statua resta lì». Graziano, sentito da Repubblica, dice di «non essere stato supportato bene dagli uffici comunali - sottolinea - Ho già parlato con i nuovi commissari: Il tempo di fare tutti gli adempimenti e poi la statua tornerà al suo posto».

Intanto, venuti a conoscenza della notizia, il Centro Impastato ha proposto ai familiari di Giuseppe Di Matteo che la statua venga esposta al No Mafia Memorial di Palermo. «Abbiamo appreso che la statua, che era stata collocata nel palazzo comunale Di San Giuseppe Jato, è stata coperta - afferma il presidente Umberto Santino - L'opera ricorda Giuseppe a tutti noi e, quindi, proponiamo una soluzione nell'attesa che tutto si risolva».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×