Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Almaviva, fumata nera al primo incontro a Roma
«Proposta retribuzione ridotta e perdita degli scatti»

Il tavolo al ministero si è concluso con le parti molto distanti tra loro, con Ita - la nuova Alitalia - e Covisian intenzionate a puntare sulla mancanza di clausole sociali. Cgil: «Offerta irricevibile, continueremo le azioni di lotta»

Gabriele Ruggieri

Foto di: antonio mercurio

Foto di: antonio mercurio

Cattive nuove per i 570 dipendenti del call cente Almaviva Contact di Palermo impiegati nel servizio di assistenza clienti Alitalia, in attesa di sapere quale sarà il loro futuro lavorativo dopo che Ita, l'azienda che dal mese prossimo prenderà in via definitiva il posto della compagnia aerea di bandiera, ha bandito una nuova gara per l'assegnazione del servizio. Gara che ha visto Almaviva perdente, con la concorrente Covisian che si è aggiudicata la commessa. Seduti al tavolo tecnico, oltre al capo di gabinetto, al segretario generale e al direttore generale Rapporti e condizioni del lavoro del ministero del Lavoro, i rappresentanti sindacali e quelli delle aziende interessate: Almaviva, Ita e appunto Covisian. Il nodo da sciogliere è quello legato alle clausole di solidarietà sui contratti dei lavoratori.

Quando un'azienda in questo settore perde una commessa che aveva da tempo, infatti, si può fare appello a tali clausole, che impongono alla subentrante di assumere il personale che fino a quel momento si era occupato del servizio. In questo caso, tuttavia, non si tratta del rinnovo di una commessa, perché sulla carta Ita è un'azienda nuova, che niente avrebbe a che fare con Alitalia e che quindi non sarebbe tenuta a rispettare le clausole. «Ovviamente è stato un incontro interlocutorio, ancora ci sono molte distanze praticamente su tutto - spiega a MeridioNews Marcello Cardella, sindacalista Cgil - Sia Ita che Covisian hanno manifestato la propria intenzione di far valere l'assenza di clausole sociali. Covisian in particolare non intende applicarle e nel caso in cui dovesse prendere del personale da Almaviva, comunque lo farebbe con retribuzione ridotta, togliendo gli scatti di anzianità e rimodulando il livello di inquadramento».

Molti dei 570 lavoratori Almaviva hanno maturato esperienza ventennale sull'ormai ex commessa Alitalia, arrivando al massimo degli scatti di anzianità concessi - sette -, sono inoltre inquadrati come lavoratori di livello 4, mentre Covisian propone la retrocessione a livello 3. Numeri alla mano, se adesso un lavoratore Almaviva guadagna una cifra che si aggira attorno agli 800 euro, con i nuovi accordi vedrebbe il proprio stipendio scendere di poco al di sopra delle 500 euro. «Si tratta di una proposta irricevibile - continua Cardella - Anche se siamo all'inizio della trattativa. Comunque procederemo con l’azione di lotta e chiediamo intanto al governo di farsi portavoce per l’applicazione delle clausole sociali».

«Una distanza di posizioni era prevedibile - conclude il sindacalista - Non la vediamo come una vertenza molto facile, anche se un po’ di fretta c’è e si dovrà chiudere il prima possibile, visto che Ita comincerà a volare attorno al 15 ottobre». Tempi strettissimi, anche perché, nel caso non dovesse andare in porto la trattativa con i dipendenti Almaviva, Covisian avrà pochissimo tempo per formare in maniera adeguata il personale deputato all'assistenza dei clienti Ita. «Trattandosi di un cambio di appalto non si può prescindere dall'applicazione di quanto previsto dalla clausola sociale - la posizione delle segreterie nazionali di Cgil, Cisl e Uil -  Sulla questione dei volumi, pur comprendendo le difficoltà della fase di avvio, non è possibile immaginare soluzioni che non prevedano il mantenimento dell'intero perimetro occupazionale. Al Governo, pur apprezzando la costituzione del tavolo, abbiamo ribadito la forte preoccupazione che pervade tutti i lavoratori interessati. Al momento non si può che costatare come le distanze siano considerevoli e, per certi versi, preoccupanti». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×