Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, la squadra è ancora un cantiere aperto
Filippi: «Manca qualcosa per lottare per la vetta»

Nel corso della prima conferenza stagionale a San Gregorio Magno, sede del ritiro, il tecnico ha fatto il punto della situazione in merito al livello di competitività del gruppo e ai possibili sviluppi di mercato. «Esuberi? Li allenerò come e più degli altri»

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Il Palermo che ha iniziato il ritiro a San Gregorio Magno, in provincia di Salerno, è ancora un cantiere aperto. Lo sa bene anche Giacomo Filippi consapevole del fatto che il puzzle delineato in vista della prossima stagione assieme agli operatori di mercato del club ha bisogno di diversi tasselli prima di essere completato. «Manca ancora qualcosa, in attacco e in mezzo al campo – ha ammesso il tecnico rosanero – ma la società sa cosa ho chiesto. Sono in totale sintonia con il direttore con il quale mi sento ora dopo ora per capire cosa propone il mercato in funzione di quelle che sono le mie richieste in termini non solo di caratteristiche ma anche di voglia. Ho preteso giocatori con la massima disponibilità e in grado di andare oltre ogni proprio limite. In questo gruppo non c’è spazio per chi non ha voglia di stupire e di mettersi in mostra».

L’allenatore di Partinico ha le idee chiare sulla tipologia dei rinforzi che possono migliorare questo gruppo: «Il nostro sarà come sempre un girone tosto con diverse squadre ambiziose, espressione peraltro di grandi città. Nel gruppo con Avellino, Bari, Catanzaro, Catania e Messina ci siamo anche noi ma per alzare l’asticella dopo il settimo posto della scorsa stagione e potere lottare per il vertice manca ancora qualcosa. Che proveremo a trovare sul mercato, pur sapendo che non è così semplice, alla ricerca di uomini prima ancora che di profili con determinate caratteristiche tecniche. Fella? Quando verrà lo accoglieremo a braccia aperte». E a proposito di attaccanti ha già fatto le valigie Lucca ceduto ufficialmente al Pisa: «Chi lo sostituirà deve avere la sua stessa caratura, non tanto le sue caratteristiche anche perché abbiamo preso Soleri che, al pari degli altri volti nuovi, si sposa molto bene con il mio modo di intendere il calcio. Siamo qui con ventisette giocatori – ha aggiunto – l’organico va completato ma bisogna anche dire che c’è già una base forte e collaudata da cui ripartire».

Per il ritiro in Campania sono partiti anche i quattro giocatori che non rientrano più nei piani tecnici: i difensori Crivello e Somma, il centrocampista Broh e l’attaccante Saraniti: «Avverrà tutto in maniera molto naturale, ho parlato con loro e ho detto che si tratta di scelte che un allenatore deve fare. Da parte mia avranno la massima disponibilità e li allenerò come e più degli altri. Ho vissuto da giocatore una situazione simile e so che può diventare scomoda se c’è una disparità di trattamento. Chiedo rispetto e verranno rispettati». Sa già molte cose Filippi: il giocatore che indosserà la fascia di capitano (i candidati sono Accardi, Almici, De Rose e Floriano), i margini di miglioramento del gruppo a sua disposizione e anche i tratti distintivi che dovrà avere il Palermo edizione 2021/22: «Il finale dello scorso campionato è stato in crescendo e abbiamo dimostrato di essere una squadra che lotta su ogni pallone. Voglio un Palermo che non molla e che non si arrende mai, una squadra che vuole ribaltare tutto e tutti e che sa impossessarsi della partita». Rispetto allo scorso anno, intanto, dal punto di vista della programmazione i presupposti sono diversi: «Ed è chiaro che nel momento in cui saremo al completo il nostro lavoro avrà ulteriori benefici. Stiamo curando tutto nei minimi dettagli contando sul fatto che in ogni angolo della 'casa' può esserci un’energia utile per arrivare il più in alto possibile».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×