Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Comunali 2022, iniziano le grandi manovre a sinistra
Orlando torna nel Pd, Potere al popolo si tiene fuori

Manca ancora un anno alla chiamata alle urne, ma si cominciano a delineare schemi ed equilibri, con l'apertura dei dem anche alle primarie per scegliere il nome del candidato del centrosinistra e i nodi da sciogliere legati al campo largo con i cinquestelle

Gabriele Ruggieri

Parte da lontano la corsa alle elezioni amministrative del 2022 a Palermo, le prime senza Leoluca Orlando dopo dieci anni di governo della città. Se nel centrodestra gli equilibri sono ancora tutti da disegnare, con la Lega che questa volta dovrebbe avere un'importante voce in capitolo nell'economia delle scelte, a sinistra le acque hanno cominciato ad agitarsi già da qualche mese, dapprima guardando con interesse alle alleanze romane, con il modello del gruppo extraparlamentare Pd-M5s che nelle settimane è diventato qualcosa di più che un'idea, poi con l'adesione del sindaco Orlando al Partito democratico.

Un ritorno quello di Orlando tra le fila dei dem, compagine mai in verità ostile, come dimostra anche la strana geografia raggiunta in sala delle Lapidi, con il gruppo dei Pd rimasto saldamente all'interno dell'ormai minoranza dei consiglieri a sostegno del sindaco. Una mossa che incontra i favori non solo dei vertici provinciali e regionali del Partito, con Rosario Filoramo ed Anthony Barbagallo che hanno parlato di «forza trainante del centrosinistra» con riferimento all'esperienza del Professore, ma anche di Enrico Letta, che non ha tardato a manifestare pubblicamente il suo apprezzamento per la scelta di Orlando. «Dopo alcuni anni rinnovo la mia iscrizione al Pd - la spiegazione del sindaco di Palermo - Punto di riferimento importante alternativo alla destra, capace di tenere coesi diritti e doveri in base a una visione che mette al centro la persona e afferma i principi di comunità».

E a proposito di Pd, la possibilità che si scelga il nome del candidato tramite primarie spinge nuovamente verso i democratici anche Ninni Terminelli, che dello stesso Pd è stato segretario provinciale fino al 2010. «Leggiamo con piacere che il Pd compie finalmente l’atto di apertura alle primarie per scegliere il candidato a sindaco di Palermo - dice l'avvocato e leader del movimento La Sicilia delle Idee, che da mesi è già al lavoro in ottica 2022 - Sono pronto a partecipare per rappresentare il punto di vista del civismo della sinistra ambientalista e dei diritti. I partiti da soli, senza l’altra politica, non ce la fanno. Noi siamo pronti a fare la nostra parte».

Un quadro che dunque inizia a delinearsi, ma a cui mancano ancora dei tasselli fondamentali. Anzitutto il Movimento 5 Stelle, che non ha ancora sciolto le riserve, nonostante il nuovo corso targato Giuseppe Conte faccia trasparire una certa propensione verso il campo largo, nonostante il nodo a Palermo resti la discontinuità con la visione amministrativa del sindaco. E poi c'è Sinistra Comune, partito cardine per le amministrazioni di Orlando, che - così come nel caso del M5s, qualora dovesse entrare in coalizione - vorrà certamente dire la sua sulle scelte e soprattutto sulla scelta del candidato. 

Chi si mantiene invece distante dal nuovo assetto a trazione Pd è Potere al Popolo, che prepara il terreno per un proprio radicamento sul campo, pur non considerando di vitale importanza la partecipazione all'agone elettorale. «Dopo quasi un quarantennio di protagonismo - spiegano i vertici del partito - Tornano a farsi vivi i soliti nomi e viene riproposta la formula, cooptata dal quadro nazionale, di un campo largo progressista. Crediamo che le iniziative proposte fino a questo momento, che vertono attorno a questo concetto, abbiano il limite di non partire da un bilancio crudo dell'azione delle due ultime sindacature di Orlando e del ruolo avuto dalle forze politiche che hanno sostenuto queste esperienze in questi anni. Invece noi riteniamo che nella nostra città, in tutti questi anni, ci siano sì stati dei cambiamenti, ma non sull’aspetto che riteniamo centrale: la lotta contro la povertà e per l'inclusione sociale».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×