Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Emergenza abitativa, famiglie a confronto con gli uffici
Strappata la promessa su assegnazioni beni confiscati

L'ennesima protesta delle famiglie senza casa questa volta sembra avere sortito qualche effetto. Buone notizie per chi è assegnatario in via temporanea di un immobile sottratto alla mafia. Tra i manifestanti anche Enzo Di Piazza, ancora in cerca di risposte

Militello Marco

Foto di: Militello Marco

Foto di: Militello Marco

Ancora una giornata di proteste ieri a Palermo per le persone coinvolte nel vortice dell'emergenza abitativa, ma questa volta pare che qualcosa si sia mosso. Una dozzina di famiglie senza casa, che da anni denunciano il sistema di assegnazioni del Comune, si sono radunate di fronte agli uffici del servizio Dignità dell'abitare, in via Francesco De Sanctis con l'intento di avere un confronto con la dirigente Marina Pennisi.

«A Palermo l'emergenza abitativa colpisce circa 2500 famiglie: si tratta di un problema politico - dice un rappresentante della delegazione di Potere al Popolo presente sul posto per dare sostegno alle famiglie - Denunciamo i metodi criminali delle assegnazioni, le condizioni delle case fatiscenti per i senza casa, l'esautorazione delle graduatorie e l'inefficienza dei percorsi assistenziali».

Presente anche la famiglia Di Piazza, che nell'ultimo mese è stata al centro delle cronache per essersi vista togliere un immobile visionato e accettato, consegnato invece nelle mani di una famiglia che non solo possiede già un reddito, ma è anche titolare di due case di riposo. «La dottoressa Pennisi si impegni per darci l'immobile che di diritto spettava al nostro nucleo familiare - dice Enzo Di Piazza - Ci auguriamo possa procedere con la revoca nei confronti degli attuali occupanti e poi con l'assegnazione».

Alla fine il confronto c'è stato. Le famiglie che hanno già ricevuto un bene confiscato in assegnazione temporanea sono riuscite a ottenere la promessa di un percorso che porterà la dirigente ad adottare un provvedimento, che sarà unico per tutte e che dovrebbe concludersi con la tanto desiderata assegnazione in via definitiva del bene.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×