Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Cinque Comuni verso le Amministrative d'autunno
Vince l'attendismo: giochi fatti solo a Montelepre

Candidati noti solo in uno dei due centri in cui la sindaca è decaduta per naturale decorrenza dei termini di mandato. Si attende che qualcuno esca allo scoperto ad Alia, San Giuseppe Jato e San Cipirello, dove l'ex sindaco è stato fermato (anche) dal Tar

Gabriele Ruggieri

Nei cinque Comuni del Palermitano che saranno chiamati alle urne il prossimo autunno sembra prevalere la linea dell'attendismo. A eccezione di Montelepre, dove sono già quattro le figure che hanno sciolto le riserve annunciando la propria candidatura, negli altri centri si agisce con cautela. D'altra parte Montelepre è uno dei soli due Comuni (l'altro è Terrasini) della rosa in cui la prima cittadina Maria Rita Crisci è decaduta per regolare scadenza del mandato. Crisci, che ha subito annunciato la sua volontà di tentare la corsa per il secondo mandato consecutivo, con tutta probabilità sarà assistita dalla stessa squadra che si rivelò vincente quattro anni fa. 

A contenderle la poltrona saranno il funzionario regionale Giuseppe Terranova, sostenuto, tra gli altri, dal Movimento 5 stelle; Nino Plano e Beniamino Gaglio. Terranova, che all'attivo ha già una campagna elettorale persa nel 2009 contro Giacomo Tinervia, conterà anche sull'appoggio del movimento Cantiere 2.1, del gruppo consiliare Insieme per Montelepre, reduce dall'esperienza di opposizione a Crisci e della corrente capeggiata dall'ex assessore Giuseppe Pizzurro. Proprio per le tante alleanze è improbabile che il simbolo del M5s comparirà sui tabelloni elettorali, dove invece ci saranno logo e simbolo dell'annunciata lista Vivere Montelepre, che dovrebbe raccogliere esponenti di ogni corrente a sostegno del candidato. Il nome di Plano è stato partorito dal Laboratorio Politico Montelepre diversi mesi fa, con una lunghissima campagna elettorale per lui e per i suoi sostenitori, tra cui il consigliere uscente Salvatore Pisciotta, membro attivo di Diventerà Bellissima di Nello Musumeci. Infine, Beniamino Gaglio si presenterà con il sostegno della lista civica Per Montelepre.

A Terrasini è praticamente certa la ricandidatura del sindaco uscente Giosuè Maniaci, si aspetta solo di sapere chi saranno i suoi avversari nella corsa alla poltrona più ambita del palazzo. Tutto da scrivere il destino di Alia, dove ancora non si è spenta l'eco delle polemiche che hanno portato nel dicembre dello scorso anno alla sfiducia del sindaco Felice Guglielmo, andato a casa insieme a tutto il Consiglio comunale dopo una serie di lotte intestine alla maggioranza, ormai frantumata. Tra candidature ritenute scherzose e smentite, nel piccolo Comune del Palermitano si attende che qualcuno faccia la prima mossa per scatenare una campagna elettorale che si preannuncia infuocata, tanto che qualcuno già giura di «aspettare l'ex sindaco al varco». Si gioca sulle strategie anche a San Giuseppe Jato, dove c'è da sostituire il sindaco dimissionario Rosario Agostaro, che aveva lasciato la carica lo scorso ottobre, dopo l'insediamento della commissione ispettiva inviata dalla prefettura per indagare su presunte infiltrazioni mafiose all'interno del Comune. Difficile che il sindaco dimissionario, dopo i commissari e il proiettile in busta ricevuto nel 2018, decida di ritentare l'esperienza delle Amministrative. 

E poi c'è San Cipirello, dove la situazione è senza dubbio molto più complicata. Il Comune, all'epoca guidato da Vincenzo Geluso, è stato sciolto per infiltrazioni mafiose per la forte possibilità di ingerenze da parte della criminalità organizzata all'interno del Consiglio comunale. Una decisione mai accettata dagli amministratori costretti a farsi da parte che, per tutta risposta, hanno fatto ricorso al Tar. E il Tar del Lazio si è pronunciato solo tre giorni fa, confermando la decisione del ministero dell'Interno e rincarando persino la dose, con la condanna nei confronti del sindaco e della sua squadra a risarcire 3000 euro di spese giudiziarie al ministero. E dire che Geluso e i suoi puntavano molto su questo verdetto, tanto che diversi ex amministratori pare avessero già iniziato a muoversi gettando le basi per la prossima campagna elettorale a suon di riunioni. Basi che ora richiedono una riorganizzazione radicale, anche alla luce della sentenza di incandidabilità, pure questa confermata, che grava su Geluso e sull'ex assessore Giuseppe Clesi.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×