Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Usurai per gli amici, senza reddito per lo Stato
Il business dei Cillari e i crediti riscossi al funerale

Sono state spesso le stesse vittime a rendere più complesse le indagini della guardia di finanza. Facendo passare gli scambi di denaro come saldi di passate compravendite. Molte di loro provengono dal settore del commercio dei mobili

Gabriele Ruggieri

Funzionava così: il cliente consegnava nelle mani degli usurai un assegno postdatato alla data in cui si sarebbe estinto il prestito e in cambio riceveva una somma in contanti. Sono oltre una decina le vittime accertate dal giro di usura smantellato ieri dalla guardia di finanza di Palermo con l'arresto di quattro persone, tra cui fratello e nipote di un ex boss del mandamento mafioso di Porta Nuova, Gioacchino Cillari.

Un debito pagabile anche a rate, certo, ma che si attaccava irrimediabilmente alla vittima, anche dopo la sua morte. Come nel caso di un uomo scomparso nel 2017, il cui debito è stato ereditato dalla figlia, che ha continuato a pagare le rate con un tasso d’interesse del 60 per cento. «È morto, ci vado a casa, la moglie comunque era al corrente… ma io non ho chiesto niente…», raccontava il più grande dei due Cillari in una delle intercettazioni dopo essere andato alla veglia funebre.

I soldi per finanziare l’attività di prestito, secondo quanto scoperto dagli inquirenti, provenivano direttamente dalle tasche di Salvatore Cillari, l’uomo indicato come promotore e vertice dell'organizzazione. Denaro che però, almeno ufficialmente, Cillari non aveva. «Una capacità economica e in particolare una capacità di movimentare ingenti flussi di denaro, in alcun modo giustificata dai redditi dichiarati negli ultimi anni da lui e dai suoi familiari», per usare le parole degli investigatori.

Stesso discorso per il figlio di Salvo, Gabriele, titolare del ristorante l’Acerba ma di fatto non produttore di alcun reddito, fatta eccezione per alcuni lavoretti che di tanto in tanto venivano dichiarati da Giovanni Cannatella, un altro degli indagati, che possiede un negozio di mobili usati. E proprio tra i colleghi di Cannatella l’organizzazione trovava buona parte di clienti. Ci sono diversi nomi tra gli appunti sequestrati dalla guardia di finanza. Clienti-vittime che in molti casi hanno giustificato gli scambi di denaro facendoli passare per saldi di passate compravendite di oggetti d’arte o di antiquariato, cosa che ha reso più complicate l indagini.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×