Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Omicidio Vucciria, vendetta per pestaggio dopo incidente
I fermati sono i figli e il nipote di un boss di Borgo Vecchio

Gli agenti della squadra mobile hanno ricostruito la dinamica e il movente del delitto del 26enne Emanuele Burgio. Il giovane avrebbe provato a scappare riuscendo però a percorrere solo poche decine di metri prima di essere raggiunto al torace e alle spalle

Marta Silvestre

Ci sarebbe la vendetta per un pestaggio dopo uno screzio dovuto a un incidente stradale, avvenuto nei giorni scorsi, dietro l'omicidio di Emanuele Burgio. Per il delitto del 26enne ucciso lunedì notte a colpi di pistola nel popolare mercato della Vucciria di Palermo, tra via dei Cassari e via dei Tintori, oggi sono state fermate tre persone: il 39enne Matteo Romano, il fratello Domenico di 49 anni e il figlio 29enne di quest'ultimo Giovanni Battista, che porta il nome del nonno. Giovan Battista Romano, il boss di Borgo vecchio che, nei primi mesi del 1995, fu massacrato di botte, ucciso e poi sciolto nell'acido

Tutti i protagonisti di questa vicenda, da un lato e dall'altro, gravitano nell'orbita di Cosa nostra. La vittima, infatti, è il figlio di Filippo Burgio, il cassiere del clan mafioso di Palermo, condannato a nove anni nell’operazione Hybris e accusato anche di avere gestito la posta del latitante Gianni Nicchi, ex reggente del mandamento di Pagliarelli.

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, il diverbio iniziale sarebbe nato tra Burgio e il 29enne. Dopo diversi incontri chiarificatori, uno dei quali finito a pugni, gli attriti sembravano sopiti e, invece, sono riesplosi senza una ragione apparente tra i vicoli della Vucciria. Dopo l'ennesima discussione, sarebbe stato lo zio Matteo Romano impugnare una pistola e sparare (almeno quattro colpi) contro Burgio. Il giovane avrebbe anche cercato di scappare ma sarebbe riuscito a percorrere solo poche decine di metri, prima di essere raggiunto da tre proiettili al torace e alle spalle. Portato in ospedale dagli amici con cui si trovava, è morto poco dopo. Un aiuto fondamentale per la ricostruzione della dinamica è arrivato agli agenti della squadra mobile dall'analisi dei filmati delle telecamere di sorveglianza della zona, per lo più dei locali che si trovano lungo la strada meta della movida cittadina.

La vittima aveva piccoli precedenti per guida senza patente, ma era sotto processo per associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga. Nel mondo delle sostanze stupefacenti e delle regole che Cosa nostra impone su quel business, sarebbe invece maturato il delitto di Davide Romano. Fratello di Matteo e Domenico ucciso nell'aprile del 2011, quando aveva 34 anni, con un colpo di pistola alla nuca e fatto trovare in mutande nel bagagliaio di un'auto rubata. Il 34enne era stato arrestato in diverse operazioni antimafia e condannato per mafia, estorsioni e droga. Quando venne ammazzato, era uscito dal carcere da appena un mese. Stando a quanto ricostruito dal collaboratore di giustizia Vito Galatolo, a ordinare l'uccisione di Davide Romano sarebbe stato il boss di Porta Nuova Calogero Lo Presti.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×