Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il Palermo è pronto per la gara calda di Avellino
Filippi: «Noi dobbiamo pensare solo a giocare»

Il tecnico traccia le linee guida in vista del match in Irpinia valido per il ritorno del primo turno della fase nazionale dei playoff. I rosanero, che all'andata hanno vinto 1-0, hanno a disposizione due risultati su tre. A centrocampo torna Luperini dopo la squalifica 

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

«Voglio un Avellino con l’elmetto». Quando ha pronunciato questa frase a ridosso del match d’andata, l’allenatore Braglia al di là degli input sul piano motivazionale da trasmettere alla sua squadra inconsciamente si era già calato nel clima del doppio confronto con il Palermo valido per il primo turno della fase nazionale dei playoff di serie C. E’ stata una battaglia all’andata e sarà la stessa cosa nel match di ritorno in programma questa sera alle ore 20,45 (diretta tv su Raisport) allo stadio Partenio-Lombardi. Una battaglia ovviamente sportiva. Puntualizzazione che potrebbe sembrare superflua ma che, alla luce di quanto è avvenuto domenica in campo, forse è il caso di fare in questa circostanza per ricordare agli addetti ai lavori che, nonostante l’importanza e la delicatezza della posta in palio, quella di oggi è e rimane una partita di calcio. Gara che i rosanero, avvantaggiati dal fatto di avere a disposizione due risultati su tre in virtù del successo per 1-0 dell’andata, dovranno giocare con la testa senza cadere nelle provocazioni e senza ‘agevolare’ il compito di un Avellino che, sia per caratteristiche strutturali che per condotta come emerso anche tre giorni fa al Barbera, tenderà a incanalare la sfida prevalentemente sui binari dell’agonismo e dei duelli fisici.

Cuore caldo ma mente fredda. E’ la chiave vincente a disposizione di un Palermo che, numeri alla mano (cinque vittorie consecutive, otto risultati utili di fila e zero gol subiti finora in questi playoff), ha tutte le carte in regola per superare anche questo nuovo esame di maturità. «Ho letto e sentito troppe chiacchiere ma tutto ciò non ci deve riguardare – ha sottolineato Filippi – noi dobbiamo pensare solo al campo e a giocare. I ragazzi sono attenti e concentrati e daremo il massimo per passare il turno. Il nervosismo del match d’andata? Se Braglia si giustifica (il tecnico biancoverde ha precisato di non avere mai aggredito Accardi respingendo le accuse ricevute in merito ad un fermo-immagine che lo ritrae con una mano sul collo del difensore palermitano all’inizio della rissa scoppiata domenica subito dopo il triplice fischio dell’arbitro, ndr) evidentemente ha qualcosa da farsi perdonare. Si è parlato tanto di episodi e di un arbitraggio che a mio avviso è stato normale nell’ambito di una partita spezzettata e nella quale entrambe le squadre hanno dato tutto per cercare di imporsi sull’altra. Ho sentito molte chiacchiere che secondo me sono create ad hoc per far salire la tensione ma noi non dobbiamo cadere in questo tranello».

Circondati dal calore della piazza, come si evince ad esempio leggendo gli striscioni firmati CNI (Una vita insieme a te, Eterno amore, Ti amo, Fino alla fine esposto sia all’esterno dello stadio che in altri punti della città) nel tratto di strada che va dall’albergo che ospita la comitiva rosanero fino al Barbera, e spinti dalla carica degli ultras della Curva Nord 12 che si sono radunati nel piazzale dello stadio per supportare i giocatori con fumogeni, uno striscione e tanti cori di incitamento, i rosanero sono partiti ieri mattina intorno alle 7,45 in pullman direzione Trapani in vista del volo per Napoli. Nell’elenco dei ventiquattro convocati, nel quale non figurano gli infortunati Lucca e Rauti, c’è il secondo portiere Fallani tornato a disposizione dopo un periodo di stop forzato a causa di una contusione all’occhio destro. Rispetto alla gara di domenica Filippi ritrova Luperini (che ha scontato il turno di squalifica) in una linea mediana supportata questa sera sulle fasce da Valente a sinistra e a destra, complice la presenza di un Almici ancora convalescente e non al top della condizione, da uno tra Doda e Accardi impiegabile anche nella retroguardia a tre assieme a Lancini e Marconi. In avanti, Santana potrebbe partire dalla panchina dopo avere giocato le ultime due partite ravvicinate da titolare. Eventualità che, a meno di soprese, rafforzerebbe la candidatura di Kanouté e Floriano sulla trequarti alle spalle di Saraniti.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×