Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tutto quello che sappiamo sulla caduta del razzo spaziale
«Pezzi potrebbero cadere anche in Sicilia. Niente paura»

A MeridioNews parla Carmelo Falco. Il ricercatore dell'osservatorio astronomico GAL Hassin di Isnello fa il punto sulle orbite che i frammenti del Long March 5b potrebbere effettuare nelle ultime ore. «La situazione è sotto controllo», precisa

Carmelo Lombardo

«La caduta del razzo potrebbe verificarsi entro domani mattina, ma la cosa importante è quella di non creare allarmismo su eventuali pericoli». Prima di parlare di cosa sarà del razzo Long March 5b e cosa arriverà sulla terra del vettore, lanciato in orbita lo scorso aprile dalla Cina, Carmelo Falco, ricercatore astronomico dell'osservatorio di Isnello GAL Hassin, a MeridioNews precisa che l'argomento bisogna trattarlo con attenzione. «Il razzo trasportava un silos con dei mezzi che serviranno alla costruzione di una base spaziale che dovrà nascere - spiega l'esperto - Purtroppo ci sono stati dei problemi tecnici che hanno fatto sì che le operazioni di rientro avvenissero in maniera incontrollata. In queste ore abbiamo osservato le orbite che compie questo vettore, ma non sappiamo come e quando si romperà, né di quali materiali è fatto». 

Il mezzo lanciato in orbita ha un peso di 18 tonnellate, una lunghezza di circa 32,2 metri e un diametro di 5 metri. In queste ultime ore, sulla base dei dati raccolti dai sensori europei e statunitensi, è stato calcolato che alcuni pezzi, che potrebbero staccarsi dal razzo cinese dopo il contatto con l'atmosfera terrestre, potrebbero cadere in una vasta area dell'Italia centromeridionale. Alla luce di questi dati l'area potrebbe comprendere nove regioni italiane: Lazio, Abbruzzo Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna. Nelle scorse ore il dipartimento della protezione civile ha istituito un tavolo con l'Agenzia spaziale italiana a cui hanno partecipato la presidenza del Consiglio dei ministri, i ministeri dell'Interno, della Difesa, Affari esteri e di Cooperazione internazionale, Enac, Enav, l'istituto superiore per la protezione e per la ricerca ambientale.

«Il suo raggio avrà una latitudine compresa tra i meno 45 e i più 45 gradi - continua Falco - Questo vuol dire che la caduta non riguarda solo l'Italia, ma può comprendere mezzo emisfero a Sud e mezzo emisfero a Nord. Avvicinandosi alla terra si sfalderà e man mano che l'atmosfera si farà più densa, e la temperatura si alzerà, potrebbero cadere dei piccoli pezzi che potrebbero causare lievi danni: in questo senso, la protezione civile fa bene a invitare alla cautela». 

Falco si concentra anche su quello che sta succedendo sul piano geopolitico. Come fa notare il ricercatore, la presenza di una base spaziale cinese vicina alla terra sarebbe indicativa di come il Paese voglia lanciare un segnale di contrapposizione al Giappone e al restante blocco occidentale. «Cina e Russia in questo senso stanno svolgendo diverse operazioni in risposta agli altri Paesi - commenta Falco - di questi fatti ne potremmo sentire parlare in futuro. Farne una il più possibile vicina alla terra è importante sia in termini economici, ma anche in termini di trasporto: è normale che se le distanze si riducono si può trasportare un maggiore carico». Non resta che attendere la giornata di domani. «Di solito questi razzi una volta che sono vicini alla terra, vengono deviati per cadere in mare - conclude Falco - Questa volta non è potuto accadere. Aspettiamo le prossime ore per capire quale saranno gli sviluppi».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×