Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Picchiati e insultati. Cosa succedeva al Ben Haukal
«Me ne fotto delle telecamere. Ti riempio di botte»

Le carte dell'inchiesta Mani a posto svelano «condotte crudeli». Non solo per i colpi che i pazienti ricevano dagli operatori ma anche per i mancati interventi davanti ad atti di autolesionismo. Un disabile sarebbe stato quasi soffocato contro la sbarra di un letto

Dario De Luca

Le telecamere non sarebbero state un problema per Salvatore Omezzoli, lo diceva chiaramente utilizzando un linguaggio colorito. L'assistente socio-sanitario del centro per diversamente abili Ben Haukal di Brancaccio è tra i principali indagati dell'inchiesta Mani a posto dei carabinieri di Palermo. Il blitz, che ha fatto scattare gli arresti domiciliari per tre persone con l'ipotesi di maltrattamenti e che vede cinque indagati, è scattato ieri. Le riprese delle telecamere nascoste mostrano un quadro di vessazioni e violenza con gli ospiti presi di mira e picchiati da chi, almeno sulla carta, era incaricato di occuparsene. I militari, su delega della procura, hanno impiegato appena quindici giorni per mettere insieme i pezzi di questa storia. A partire da quanto sarebbe accaduto il 7 gennaio scorso. Giorno in cui uno degli ospiti, affetto da una grave disabilità psico-fisica, sarebbe stato picchiato e vessato. Ma l'aspetto più grave, secondo quanto emerge nell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal giudice Giuliano Castiglia, sarebbe quello omissivo. Una condotta «crudele» basata sul mancato intervento davanti a un atto di autolesionismo dell'ospite, consistente nel colpire «ripetutamente e con forza» il pavimento con la testa. 

L'indomani i segni sul corpo dell'uomo sarebbero stati notati da due psicologi. Informati i vertici dell'Associazione italiana assistenza spastici di Palermo sul tavolo della procura è arrivata la denuncia firmata dal presidente Salvatore Nicitra. Dal 15 al 29 gennaio scorso sei telecamere nascoste, istallate dai carabinieri, iniziano a filmare 24 ore su 24 tutto ciò che accade all'interno del Ben Haukal. Ed è proprio l'ultima sera in cui vengono effettuate le registrazioni che viene immortalato un altro fatto particolarmente grave. Uno degli ospiti, intorno alle 22.30, viene sollevato di peso mentre si trova a letto. «Omezzoli - si legge nell'ordinanza - gli afferra violentemente il capo, spingendolo violentemente, compire il collo dell'uomo a mo' di tentativo di soffocamento contro la più alta delle barre laterali del letto. Poi aiutandosi anche con l'altra mano per dare maggiore forza». Ad assistere, a quanto pare senza intervenire, è un altro operatore indagato: Salvatore D'Anna

Il resto dei giorni all'interno della struttura è paragonabile a un festival dell'orrore, almeno secondo quanto ricostruito dagli inquirenti. L'11 gennaio le telecamere immortalano l'assistente socio sanitaria Viviana Lombardo, finita indagata, che impone a un paziente di accudire un ospite. Il primo però non riesce a vestirlo e come conseguenza viene colpito con un calcio. Il 15 gennaio alle azioni si aggiungono i commenti. A pronunciarli, secondo la ricostruzione degli investigatori, era l'assistente Salvatore D'Anna. «Sei un porco» e ancora «sei un vastaso maleducato». Poco dopo, come già avvenuto il 7 gennaio, uno degli ospiti comincia a sbattere la testa sul pavimento, provocandosi ferite e la fuoriuscita di sangue. Nessuno però interviene per fermalo. 

Dentro l'immobile, nel quartiere Brancaccio, sarebbero volate sedie e tavoli, scaraventati contro i pazienti. Tra i casi indicati c'è quello che avrebbe avuto come protagonista Francesco Restivo, nei cui confronti è stato disposto l'obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria così come per l'altra indagata Anna Zora. L'uomo, secondo l'accusa, avrebbe lanciato una sedia a rotelle, colpendo alle gambe uno degli ospiti. Sempre Restivo avrebbe utilizzato un mazzo di chiavi per colpire un diversamente abile. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×