Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Bocciato il piano triennale delle opere pubbliche 2020-22
Orlando contro Italia Viva: «Molti voti anomali in Consiglio»

Dopo l'ennesimo flop della maggioranza, il sindaco prende posizione con una dura nota a firma di tutta la giunta, a esclusione dei due esponenti in quota renziana. «Chi non ha approccio di squadra si pone fuori da un percorso politico e amministrativo»

Gabriele Ruggieri

Prima le schermaglie e le bocciature di diverse delibere, poi lo stop al bilancio consolidato e ora la maggioranza che va sotto nella votazione del piano triennale delle opere pubbliche. Non c'è dubbio che l'opposizione più agguerrita di Leoluca Orlando sieda tra i banchi della sua coalizione. Ancora una volta, protagonisti del ko sono i consiglieri di Italia Viva che si sono astenuti durante la votazione di ieri pomeriggio. L'ennesima provocazione dei renziani, però, stavolta non ha sortito il solito effetto, con il consueto «ci riproveremo» di Orlando, con il sindaco che in tarda serata diffonde una nota in cui elenca tutti i flop di sala delle Lapidi e si scaglia, senza mezze misure, contro il «ripetersi di voti anomali da parte di consiglieri comunali che pure affermano di condividere e sostenere le scelte strategiche e l'operato dell'amministrazione e che sono rappresentati all'interno della giunta comunale». Una nota condivisa con la firma di tutti gli assessori, tranne Leopoldo Piampiano e Toni Costumati, i due membri della giunta in quota Italia Viva.

«Si tratta evidentemente non di più di episodi, ma di scelte che riteniamo inaccettabili - prosegue la nota - frutto di un approccio ai rapporti interni alla coalizione, che rischia di causare danni insostenibili e forse irreversibili alla città. Noi continueremo a lavorare per il bene della città, così come continueremo a pensare e ad agire considerando che sia necessario un approccio di squadra e della valorizzazione e del rispetto di ciascuna cultura e forza politica. È ovvio che chi non ha tale approccio e chi non lo manifesta con scelte amministrative concrete si pone di fatto al di fuori di un percorso politico e amministrativo».

Parole che acuiscono una frattura che ormai non è più soltanto percepita, anche se ci sono ancora dei margini. La nota di Orlando arriva a neanche cinque minuti da quella con cui Costumati esprime la propria solidarietà all'istituto Gramsci, a un passo dallo sfratto dai cantieri culturali della Zisa, segno che comunque l'assessore battente bandiera renziana è tuttora al suo posto, così come lo è Piampiano. Stessa cosa per Giuseppe Norata, presidente della Rap e per Michele Cimino, presidente dell'Amat (tra l'altro parte in causa, visto che uno dei punti di disaccordo sul piano triennale è quello che riguarda il tram e la realizzazione delle nuove linee). La presa di posizione di Orlando, tuttavia, accelera il processo di mediazione verso le elezioni del 2022. Alleanze da cercare sul fronte del Movimento 5 Stelle, per cominciare. Un fronte che però non consentirebbe, a oggi, di poter fare a meno di Italia Viva, che conta otto consiglieri contro i tre grillini. «Non è bastato dare un'ulteriore poltrona in giunta a un nuovo assessore renziano per ricucire lo strappo ormai evidente tra i consiglieri eletti con Orlando - la posizione dei tre consiglieri pentastellati sulla bocciatura del Piano triennale - A pagarne il conto saranno inevitabilmente i cittadini palermitani, mentre la città sprofonda miseramente». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×