Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Covid, La Rocca difende la scelta della zona rossa
«Senza provvedimento a rischio tutta la regione»

Il direttore della pianificazione strategica dell'assessorato regionale alla Salute parla di fronte alla Commissione Sanità dell'Ars. Un'udienza in cui ha spiegato le strategie del governo e i motivi che hanno portato alle decisioni drastiche degli ultimi giorni 

Gabriele Ruggieri

Il problema a Palermo è stata la diffusione delle varianti più aggressive del Covid-19. Parla di «percezione» e di numeri Mario La Rocca, direttore della pianificazione strategica dell'assessorato regionale alla Salute, durante la sua audizione di fronte alla commissione Sanità dell'Assemblea regionale siciliana. Un incontro durato diverse ore, durante il quale il dirigente ha illustrato le motivazioni che hanno spinto il governo regionale ad assumere le ultime decisioni per affrontare l'emergenza sanitaria causata dal coronavirus.

Prima fra tutte quella di istituire la zona rossa per la città di Palermo, una misura poi estesa a tutta la provincia almeno fino al 22 aprile. «A Palermo c'era un'evidente escalation dei contagi, in particolare per la diffusione delle varianti, più aggressive - dice La Rocca - Abbiamo avuto i primi casi di virus in soggetti già vaccinati. Per questo, è stata adottata la zona rossa in tutta la provincia. Quando il governo Musumeci ha firmato l'ordinanza, il dato era di 209 contagi su 100mila abitanti, ma avevamo la percezione di una maggiore diffusione delle varianti e registravamo pure la pressione sugli ospedali. Quel dato, adesso, è consolidato, l'incidenza è di 275 casi su 100mila abitanti».

Secondo il direttore, incalzato dalle domande dei componenti della Commissione, sarebbe stato un errore seguire l'evoluzione della situazione dei contagi basandosi sulle comunicazioni giornaliere dei numeri del Covid. Una consuetudine, spiega, che «ha fatto sì che si creasse un clima di sfiducia nelle istituzioni. Una cosa è il dato in base al quale vengono fatte le scelte, consolidato e caricato in piattaforma, un'altra è quello giornaliero, che nessuno ha la possibilità di consolidare». E ancora: «Se non fossimo intervenuti su Palermo, avremmo rischiato di far diventare rossa tutta la Sicilia».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×