Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Le Madonie diventano museo cielo aperto per Land art
Bando per «opere d'arte fatte di natura per la natura»

I paesaggi saranno la tela, tronchi, muschio, pietre, terra il pennello. Parte un percorso tematico frutto di un accordo tra l’associazione Pro Piano Battaglia e Madonie e l’ente Parco per mettere a disposizione spazi di creatività tra i boschi

Maria Vera Genchi

Due gli ingredienti essenziali: uno spazio verde incontaminato e un gruppo di artisti; nessun problema per il materiale, lo si trova in loco. Nota anche come “arte della terra”, la land art è una forma d'arte contemporanea caratterizzata dall'abbandono dei mezzi artistici tradizionali. Tronchi, muschio, pietre, terra: è la natura stessa ad offrire sia la tela che il pennello.

Nata a fine anni Sessanta, negli Stati Uniti, quest’estate approderà a Piano Battaglia. Nelle Madonie, il via a un percorso tematico frutto di un accordo tra l’associazione Pro Piano Battaglia e Madonie, presieduta da Lidia D’Angelo, e l’ente Parco delle Madonie. «L’idea è nata per rivitalizzare un po’ piano Battaglia – spiega a MeridioNews la presidente di Pro Piano Battaglia - il covid ha dato la botta finale al turismo di questo luogo, dove già da due anni l’impianto della seggiovia non funziona a causa di un contenzioso».

L’idea di creare un museo a cielo aperto è di Francesca Di Chiara, artista e socia dell'associazione. «Da anni siamo attivi sul territorio - continua Lidia D’Angelo - abbiamo fatto concerti, rappresentazioni teatrali, passeggiate. Quest’anno ad una nostra socia è venuta in mente l’idea di fare una cosa che rimanesse sul territorio: la land art. Esiste già sulle Dolomiti e anche in altri posti del mondo. Io mi sono un po’ preoccupata perché noi siamo una piccola associazione, facciamo pagare una quota veramente ristretta ai nostri soci e ho detto a Francesca: “ma come la organizziamo una cosa del genere?”»

L'associazione non sarà però da sola in questo progetto: coinvolte anche l'associazione Settimana delle Culture, Fondazione Sicilia e l’assessorato dei beni culturali. Anche l’ente del Parco ha accolto positivamente l’iniziativa: «Il parco ha subito accettato l’idea con grande entusiasmo – racconta D’Angelo – ci darà una mano nella logistica». Partito il progetto, di anno in anno, Piano Battaglia si popolerà d’arte. La direzione artistica è stata affidata all’artista monrealese Giuseppe La Bruna, direttore dell'Accademia di Belle Arti di Venezia fino al 2020.

L’idea degli organizzatori è pubblicare un bando annuale che consenta ad artisti locali, nazionali e internazionali di ritagliarsi nel luogo uno spazio di creatività. «Il nostro intento è coinvolgere il territorio – spiega la direttrice dell'associazione - queste opere rimarranno lì per sempre. Sono fatte solo di natura e staranno lì, finché la natura stessa non se ne riapproprierà».

Quest’estate, dati i tempi stretti e l’emergenza sanitaria, non ci sarà una call for applications per gli artisti. Si partirà con Aron Demetz. «Un grande artista – spiega La Bruna - lavora a Ortisei ma è uno scultore conosciuto un po’ in tutto il panorama internazionale». Scultore e artigiano, Demetz lavora principalmente il legno. Nelle sue mani i tronchi diventano sagome, l’impatto visivo è una perfetta simbiosi tra uomo e natura. «La scultura - conclude il direttore artistico – l’ho sempre vista come qualcosa che possa anche essere utilizzata dalla gente. Un’opera d’arte dove si può vivere: sedersi, toccare, usare».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×