Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Indolenza e assenze, così va ko il voto sul consolidato
Opposizioni unanimi: «Orlando ha perso il Consiglio»

Questa volta la bocciatura non arriva per un gioco di sgarbi interno alla maggioranza, ma per le troppe assenze, che hanno condizionato il risultato e causato il blocco delle assunzioni in Comune. Il sindaco chiamato a riflettere sul futuro

Gabriele Ruggieri

Foto di: Antonella Lombardi

Foto di: Antonella Lombardi

Il bilancio consolidato è stato bocciato. La maggioranza va sotto ancora una volta, ma in questo caso non c'entrano i malumori e le prove di forza interne ai sostenitori dell'amministrazione di Leoluca Orlando. Piuttosto una sfortunata coincidenza, con l'assenza in aula dei consiglieri del Partito democratico e di alcuni membri dei gruppi di Italia Viva e Avanti Insieme

Per l'ennesima volta il consiglio comunale dimostra che sono i numeri il suo vero tallone d'Achille, come successo anche nel caso della votazione per il recupero di Grande Migliore, quando, al di là della boutade di Italia Viva, intenzionata a lanciare un chiaro segnale al sindaco Orlando, una delibera importante per diverse decine di lavoratori, oltre che per il comparto economico cittadino è stato mandato in fumo quando sarebbe bastata anche solo un'assenza in meno tra i banchi di sala delle Lapidi perché venisse approvata. 

Anche quella volta il numero dei sì si è fermato a 13, ormai numero non troppo fortunato per la maggioranza palermitana. Stavolta a farne le spese saranno undici dirigenti tecnici in via d'assunzione e di conseguenza gli uffici, visto che con lo stop al consolidato si fermano anche le acquisizioni di personale su qualsiasi livello, comprese le stabilizzazioni. Non dovrebbero esserci problemi, invece, per il passaggio dei dipendenti Reset in Rap, anche se prima c'è da sistemare i conti della partecipata che si occupa dei rifiuti. La maggioranza che va sotto in aula, inoltre, scopre il fianco anche agli attacchi delle opposizioni.

«La bocciatura del bilancio consolidato rimbomba come il crollo di una ormai da tempo inesistente maggioranza a sala delle Lapidi - dice Viviana Lo Monaco, capogruppo del Movimento 5 stelle - A nulla sono valsi i nostri numerosi appelli rispetto alle risposte concrete che la città attende da troppi anni. I continui cambi di casacca finalizzati esclusivamente a logiche di opportunità politica hanno rappresentato un vero abuso nei confronti della fiducia attribuita dai palermitani nel 2017 a un'idea di amministrazione capace di affrontare e risolvere gli annosi problemi che affliggono i cittadini, dal centro alle periferie.

Lo Monaco parla anche di «indolenza e mancato interesse della maggioranza», che si traducono in «assenze che segnano in modo irreversibile l'attività del consiglio comunale». Dal M5s alla Lega, anche secondo Igor Gelarda «la maggioranza di Orlando non esiste più neanche per approvare uno degli atti più importanti del consiglio comunale», tanto che il capogruppo del Carroccio invoca ancora una volta le dimissioni del primo cittadino, posizione condivisa in altri termini anche dal resto delle opposizioni. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×