Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il controllo di Cosa nostra e la percentuale sui furti
«Sincero, te ne ho fatto mai andare senza soldi?»

Non si doveva muovere foglia sul territorio di Borgo Vecchio senza l'autorizzazione della famiglia. Persino il business dei motorini rubati e restituiti previo compenso al legittimo proprietario doveva avvenire dopo il consenso degli uomini d'onore

Gabriele Ruggieri

Foto di: Frantisek_Krejci

Foto di: Frantisek_Krejci

È il Kymco People lo scooter preferito dal clan di Borgo Vecchio. Sono almeno sette quelli rubati nell'arco di pochi mesi sul finire del 2019 e finiti in mano agli uomini vicini alla famiglia del Borgo per mettere in atto estorsioni con il famoso metodo del Cavallo di ritorno, restituendo cioè il maltolto al legittimo proprietario previo un lauto pagamento. Nel mirino delle bande che rispondevano agli ordini di Cosa nostra anche Honda SH e persino una Vespa

L'ingerenza sul business dei furti è soprattutto un segnale che, per usare le parole degli investigatori, «ha permesso di evidenziare, ancora di più, la capacità di controllo capillare del territorio da parte degli affiliati al sodalizio mafioso». Secondo quanto emerso dalle carte dell'operazione Resilienza II, non c'era attività illecita sul territorio governato dagli uomini di Angelo Monti, nemmeno il furto di biciclette o motorini. Il clan doveva avere una percentuale su tutto. 

E su furti e cavalli di ritorno Pietro Matranga ed Emanuel Sciortino erano dei veri esperti. Entrambi, sempre in coppia, si occupavano sia del prelievo dei mezzi, sia del business delle restituzioni a pagamento, sempre a stretto contatto con Jari Massimo Ingarao, nipote di Monti, finito in manette nella prima operazione Resilienza con l'accusa di essere colui che materialmente teneva i contatti con la manovalanza. E oltre alle autorizzazioni, Matranga e Sciortino, ricevevano anche ordini sulle tariffe, sugli sconti da applicare agli amici degli amici o le vittime illustri a cui non far pagare niente. 

«Ora fa così... quando ero fuori mi portava i motori e mi doveva dare i soldi per ogni motore - Spiega Ingarao ai due - .. assodato .. guadagnavo di più di quanto guadagnavano loro.. però devi essere sincero: te ne ho fatto mai andare senza soldi? Sincero!». E il clan faceva comunque la sua parte, offrendo ai ladri un rifugio sicuro, un magazzino in cui depositare la merce. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×