Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Condannati per mafia percepivano reddito di cittadinanza
Da Scintilluni all'esattore dei Lo Piccolo, 145 gli indagati

La guardia di finanza di Palermo ha passato al setaccio le posizioni di oltre 1.400 persone che hanno subito condanne definitive per reati connessi alla criminalità organizzata, scoprendo un gran numero di soggetti che percepivano il sussidio statale senza averne alcun diritto. Un giro da 1.2 milioni 

Redazione

C'è anche il boss della Kalsa Antonio Lauricella, noto negli ambienti criminali come 'u Scintilluni, tra i 145 condannati per mafia che avrebbero percepito il reddito di cittadinanza non avendone diritto. L'indagine, condotta dai finanzieri del comando provinciale di Palermo, coordinati dalla Procura del capoluogo, ha coinvolto 1.400 persone tra coloro che a partire dal 2009 hanno subito condanne definitive per reati di associazione di tipo mafioso, oppure per reati aggravati dal metodo mafioso come tentato omicidio, estorsione, rapina, favoreggiamento, trasferimento fraudolento di beni, detenzione di armi, traffico di sostanze stupefacenti, illecita concorrenza con minaccia o violenza, scambio elettorale politico-mafioso, condizione che rende non idonei alla percezione della sovvenzione statale. Gli indagati sono stati denunciati con l'accusa dichiarazioni mendaci e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e all'Inps per la revoca del sussidio ed il recupero del beneficio economico.

Gli indagati, a volte in prima persona, più spesso attraverso i propri familiari, hanno chiesto e ottenuto dall'Inps il beneficio economico del reddito di cittadinanza, omettendo l'esistenza di condanne ostative. La guardia di finanza ha quantificato in circa un milione e 200 mila euro le somme percepite a partire dal 2019. Inoltre gli investigatori hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo d'urgenza emesso dalla Procura di Palermo nei confronti di 26 soggetti condannati per associazione di tipo mafioso o per reati aggravati dal metodo mafioso, per un ammontare complessivo di oltre 70 mila euro. Tra i soggetti colpiti dal provvedimento figurano appartenenti alle famiglie mafiose della Kalsa, Resuttana, Passo di Rigano, Partinico e Carini e affiliati ai clan degli Inzerillo e dei Lo Piccolo. 

 Tra loro, oltre al già citato Lauricella, che ha ricevuto un sussidio di oltre 7 mila euro, ci sono anche Maria Vitale, figlia del capomafia di Partinico, Leonardo, la postina, condannata per mafia quando si è scoperto che portava gli ordini del padre fuori dal carcere. C'è Bartolo Genova, che è stato reggente del mandamento di Resutanna, e ancora Alessandro Brigati, anche lui ritenuto vicino ai Vitale di Partinico, e Domenico Caviglia, esattore del pizzo agli ordini di Salvatore Lo Piccolo, capomafia di San Lorenzo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×