Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Tre itinerari alla scoperta di ville, giardini e monumenti
Presidente guide turistiche: «Ci si imbatte in capolavori»

È Giovanni Masaniello a consigliare tre percorsi tematici a Palermo a quanti, con l'arrivo della zona gialla in Sicilia, vorranno fare una passeggiate per godere di bellezza e cultura in città. Camminate all'aria aperta e in piena sicurezza

Maria Vera Genchi

Tornare a passeggiare - seppur con la mascherina - per riscoprire la bellezza di ville, giardini e monumenti, assaporando la storia e le tradizioni del capoluogo palermitano. A pochi giorni dalla zona gialla in Sicilia, il presidente di Guide turistiche associate di Palermo Giovanni Masaniello consiglia tre camminate ai palermitani che vogliono godere di bellezza e cultura in città, all’aperto e in sicurezza. 

Il primo percorso consigliato si snoda partendo da piazza Pretoria. È l’itinerario del Genio: una passeggiata di 25 minuti alla scoperta della leggendaria divinità protettrice della città, dalle origini ancora incerte. Il suo volto è raffigurato nella cancellata del Basile, che circonda la fontana Pretoria. Entrando a palazzo di Città, sullo scalone monumentale, c'è una sua rappresentazione completa. Palermu lu Nicu è stato ritrovato, alla fine del Cinquecento, nelle cantine del palazzo, dove a lungo era rimasto dimenticato. Incoronato e con un serpente in braccio, lu Nicu poggia su una vasca, sul bordo della quale è inciso in latino il motto: "Palermo conca d'oro divora i suoi e nutre gli stranieri". 

Scendendo lungo corso Vittorio Emanuele, subito dopo aver attraversato via Roma, tra i vicoli della Vucciria ecco invece Palermu lu granni. La scultura, in marmo di Carrara, originariamente parte di una fontana quattrocentesca situata al centro della piazzetta del Garraffo, si trova ormai da fine Seicento all’interno di un’edicola muraria. Quest’ultima, in seguito a ripetuti danneggiamenti e furti, è tristemente orfana delle due statue poste nelle nicchie laterali e degli stemmi dei quartieri che un tempo l’abbellivano. Imboccando vicolo Paterna e poi via Paternostro, la passeggiata del Genio continua verso piazza Rivoluzione. Al centro della piazza c'è la fontana del Genio, realizzata nel Sedicesimo secolo da uno scultore anonimo. La statua, nota anche come Genio del Molo, originariamente si trovava nella conca della terza fontana del molo nuovo. 

Per concludere la camminata, passando da piazza Magione, dove il Genio è un murales, si arriva a destinazione: villa Giulia. Immersa nel verde, all’interno del parco, l’elegante fontana ad opera di Marabitti raffigurante il Genio. Il nume tutelare tiene anche qui in braccio il serpente, che nutre dal suo petto, e indossa un’armatura romana. Accanto, un’aquila icona della città e ai piedi un cane e un fascio littorio, rispettivamente simboli di fedeltà e potere. Sulla roccia, una cornucopia in segno di abbondanza, la triscele e una targa che recita Prima sedes, corona regis et regni caput: i tre titoli assegnati a Palermo in seguito alla fondazione del Regno di Sicilia. 

Villa Giulia è «uno dei capolavori tra i giardini in Europa - spiega Masaniello - sia per l’impianto, che per il significato escatologico dell’impianto stesso» ed è il punto di partenza per il secondo itinerario consigliato: una passeggiata tra i giardini e le ville della città. Della durata di circa un’ora, la camminata si snoda tra il Foro Italico e il giardino Garibaldi, passa in centro imboccando via Cavour, e dal Politeama si conclude al parco Piersanti Mattarella, storicamente conosciuto come Giardino inglese. Progettato da Giovan Battista Filippo Basile nel 1851, deve il suo storico nome allo schema utilizzato per darne la struttura, che si rifiuta di rimodellare lo spazio (a differenza del giardino all’italiana) per seguire le forme e le irregolarità naturali del terreno. 

Infine, tra i percorsi consigliati dal presidente di Guide associate c’è quello che, partendo da ponte dell’Ammiraglio conduce a Maredolce. Una passeggiata di 35 minuti che dal ponte arabo-normanno, costruito un anno dopo la nascita del Regno di Sicilia per collegare la città ai giardini al di là del fiume Oreto, scende lungo corso dei Mille passando per la Chiesa di San Giovanni dei lebbrosi. Ultima tappa: il castello di Maredolce, noto anche come palazzo della Favara per la sua collocazione all’interno del parco della Favara, nel quartiere di Brancaccio. E, poiché zona gialla significa anche possibile spostamento tra comuni, per chi ha voglia di una gita fuoriporta, il consiglio dell’esperto è: «Andare a vedere la Real Casina del bosco della Ficuzza e i bagni di Cefalà Diana».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×