Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Caos in maggioranza, salta recupero Grande Migliore
L'incredulità di chi ha votato sì: «Un danno alla città»

Bocciata la delibera. La passerella pedonale e il parcheggio, mai ultimati, rischiano di rimanere le ennesime eterne incompiute, così come gli ex dipendenti di non vedere mai stipendi e Tfr arretrati. Pesano sul risultato le assenze e il non voto di una parte di Italia Viva

Gabriele Ruggieri

Prima dei centri commerciali, prima di Forum, La Torre, Conca d'Oro, a Palermo c'era solo Grande Migliore. Il megastore di viale Regione Siciliana a suo modo ha scritto una parte della storia della città. Fallì nel tentativo di mettersi al passo con i tempi con un progetto ambizioso: un parcheggio dedicato ai clienti, sempre mancato alla struttura ma rimasto incompiuto, così come la passerella che avrebbe dovuto collegare il centro commerciale all'area prevista per le auto. Oggi le strutture, tanto quelle esistenti quanto quelle rimaste a metà, versano in condizioni di abbandono e così sembrano destinate a rimanere. La votazione in Consiglio comunale sul rinnovo del Prusst per ultimare i lavori del parcheggio e della passerella e permettere così alla curatela di vendere meglio gli immobili si è trasformata ieri nell'ennesimo gioco di sgarbi all'interno della maggioranza di sala delle Lapidi, che, tra assenze e astensioni, ha perso il punto e anche la delibera. 

Tredici voti favorevoli, 13 astenuti, la delibera non passa. Dato che risulta ancora più strano se si pensa che tra i 13 ci sono anche i tre voti dei componenti del gruppo del Movimento 5 stelle, mentre tra gli astenuti si registra una buona parte dei consiglieri di Italia Viva, in cui ormai sembrano fare gruppo a parte i consiglieri arrivati da Sicilia Futura. «La maggioranza non ha fatto la maggioranza - dice a MeridioNews Antonino Randazzo, capogruppo pentastellato - Erano soltanto dieci su 21, gli altri si sono astenuti. Dal canto nostro ritenevamo l'opera importante, perché era l'opportunità di ultimare i lavori e fare acquisire all'area un valore, visto che il megastore pagava rispetto alla concorrenza dei centri commerciali il gap di non avere un parcheggio. Con la riqualificazione sarebbe potuto arrivare uno dei grandi nomi che questa città aspetta e invece abbiamo perso questa occasione. Oltretutto si parla di un'area già cementata, abbandonata, chiusa, non di uno spazio verde che stavamo rubando alla città».

«Adesso il curatore non potrà vendere o dovrà svendere la struttura - continua Randazzo - e quella passerella, che ormai non serve più a nulla, rimarrà lì in attesa che qualcuno rilevi l'area e la demolisca a proprie spese». E poi c'è la questione degli ex dipendenti di Grande Migliore, oltre che dei fornitori, che hanno ancora delle spettanze. «I lavoratori speravano di ottenere qualcosa da questa vendita, visto che molti di loro non hanno ricevuto ancora tutto quello che gli spettava - conclude il consigliere - Il motivo per cui si è astenuta parte della maggioranza non si capisce e le spese le fa la città».

Il no ai lavori per l'ex Grande Migliore è un cortocircuito politico ancora più indecifrabile se si pensa che arriva dopo una settimana costellata da vertici di maggioranza in cui il sindaco e la giunta si sono confrontati più e più volte con i loro capigruppo in consiglio. Tra quelli che in maggioranza hanno votato c'è anche il consigliere di Avanti Insieme Toni Sala. «Tra astensioni e assenze è una bocciatura che va in barba ai lavoratori che aspettavano questa vendita per vedere stipendi e Tfr mai corrisposti. Non so se c'è un motivo politico dietro questo comportamento o si tratta di una svista, mi auguro che sia uno di un incidente di percorso. Neanche la minoranza voleva bocciare la delibera: non c'è stato un solo voto contrario». 

Dura anche la replica di Orlando, affidata a una nota stampa: «A nome di tutta la giunta esprimo il dissenso per la scelta del Consiglio comunale di respingere, senza alcun voto contrario, la nuova convenzione tra l’amministrazione comunale e la curatela fallimentare dell'ex azienda Grande Migliore che opera in conformità alle procedure e con le garanzie previste dalla competente autorità giudiziaria - si legge nella nota -. Una scelta inspiegabile che arrecherà danno all'economia della città e ai lavoratori che, dopo aver perso il posto di lavoro, attendono la vendita degli immobili per recuperare parte delle risorse dovute. L'area in questione è stata già trasformata a seguito della approvazione del Prusst nel 2007 e, al fine di evitare l'abbandono e il degrado, la giunta riproporrà l’atto deliberativo al Consiglio comunale». Intanto però c'è chi tra i lealisti chiede una verifica di maggioranza per dare un senso alle delibere future ed evitare di incorrere in scivoloni come quello di ieri.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×