Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Chiesti undici anni e mezzo per Pino Maniaci
Il giornalista: «Sono sereno, è solo un artifizio»

È pesantissima la pena richiesta dal pubblico ministero nel caso che vede coinvolto il direttore di Telejato, accusato di estorsione per avere chiesto soldi (366 euro) e favori ai sindaci di Partinico e Borgetto, per non mandare in onda servizi critici sul loro operato

Gabriele Ruggieri

Foto di: silvia buffa

Foto di: silvia buffa

Undici anni e sei mesi. È pesantissima la condanna richiesta dal pubblico ministero nei confronti di Pino Maniaci, direttore di Telejato, per il caso che lo vede coinvolto per una presunta estorsione ai danni dei sindaci di Partinico e Borgetto, a cui avrebbe chiesto denaro - 366 euro in totale - e favori in cambio di un trattamento più morbido all'interno del telegiornale dell'emittente fondata dallo stesso giornalista. 

Maniaci, seguito dai legali Bartolo Parrino e Antonio Ingroia, si è sempre strenuamente difeso dalle accuse che gli sono costate inizialmente il divieto di dimora nelle province di Palermo e Trapani. «Siamo davanti al giudice monocratico e l'accusa è quella di un'estorsione semplice - dice Parrino a MeridioNews - Se uno sente una cosa del genere, non conoscendo gli atti, non sapendo nulla del processo, pensa che ci sia di mezzo almeno l'aggravante per mafia. Se un pubblico ministero chiede undici anni e mezzo, l'unica ipotesi è che di fronte a un'accusa debolissima si sia scelto di chiedere una pena che facesse discutere». 

«È come se per un furto di energia elettrica chiedessi 15 anni - continua - Indirettamente il pm ha voluto ribaltare la notizia in maniera mediatica, cosa che avremmo avuto più interesse noi a fare. Il 12 gennaio avremo la discussione, riteniamo che non ci siano assolutamente i presupposti per una condanna, il giudice ha le carte per valutare, staremo a vedere, noi comunque abbiamo ragioni per sperare in un'assoluzione».

Per Pino Maniaci, invece, si tratta di «una boutade della procura che non sa che pesci pigliare. In questi quattro anni - dice il giornalista - le accuse sono state ampiamente demolite da tutto ciò che è successo in quelle aule. Il capitano dei carabinieri De Chirico, teste chiave dell'accusa, che ha compiuto le indagini, interpellato in aula dai miei avvocati ha detto una cosa fondamentale: mai i Tg di telejato hanno smesso di fare servizi critici nei confronti delle persone coinvolte. Sono sereno e sono sicuro che il giudice sa che tutto questo è stato un artifizio montato ad hoc per cercare di fermarmi».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×