Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Allarme Covid alle spalle, torna il calcio giocato
Il Palermo riparte dalla trasferta a Catanzaro

Superata l'emergenza sanitaria, i rosanero tornano a respirare profumo di normalità. La classifica, in ogni caso, non consente distrazioni e la squadra di Boscaglia, fanalino di coda del girone C, deve andare subito alla ricerca della prima vittoria. Si va verso il 4-2-3-1 con Saraniti unica punta. Il centrocampista Palazzi agirà in difesa

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Dal tampone al pallone. Superata la fase caratterizzata dall’emergenza sanitaria e da una vera e propria corsa ad ostacoli tra tamponi (che il gruppo squadra, comunque, ha effettuato secondo la routine anche a 48 ore dalla partita), protocolli e cambi di programma a causa di quattro rinvii consecutivi, in casa Palermo torna protagonista il calcio giocato. I rosanero escono dalla bolla nella quale sono rimasti rinchiusi per circa dieci giorni e tornano a respirare profumo di normalità. Una percezione che il gruppo guidato da Boscaglia ha avuto sia lunedì che ieri, giorni in cui si sono allenati allo stadio oltre ai 'soliti' negativi anche cinque dei sei elementi appartenenti al primo ciclo di positivi, e che avvertirà in maniera ancora più netta questo pomeriggio alle 17,30 in occasione della gara esterna con il Catanzaro, recupero della gara valida per la settima giornata del girone C.

Cambia il registro ma il Palermo deve fare sempre i conti con la parola 'emergenza'. Si passa da una di tipo sanitario a causa del Covid ad una tecnica, riconducibile in questo caso alle difficoltà iniziali della squadra fanalino di coda del girone con un solo punto conquistato in quattro gare disputate e chiamata, a prescindere dai condizionamenti esterni e a distanza di poco più di due settimane dall’ultima partita giocata datata 18 ottobre, a creare subito le premesse necessarie per vincere e risalire posizioni in classifica. Direzione che i rosanero vorranno prendere a partire dal match contro i calabresi. Una sfida piena di incognite legate sia al modo in cui reagirà l’avversario dopo la sconfitta per 5-1 rimediata in trasferta contro la capolista Ternana (e a questo proposito la società giallorossa ha rinnovato la fiducia al tecnico Calabro smentendo alcune indiscrezioni relative ad un possibile esonero) sia, soprattutto, alle condizioni psicofisiche di un Palermo nel quale, anche se i negativi hanno continuato ad allenarsi, fino a pochi giorni fa era presente un focolaio.

«E’ stata una situazione spiacevole – ha ammesso con la mascherina in sala stampa il tecnico Boscaglia tornato anche lui negativo dopo la positività al Coronavirus – ma sono convinto che ci darà una spinta in più. Dobbiamo trasformare la rabbia accumulata in questo periodo in energia positiva da mettere in campo. Abbiamo i mezzi per superare anche queste difficoltà e per fare grandissime cose». L’allenatore siciliano, che dovrà scontare un turno di squalifica, crede nelle qualità della sua squadra: «Troveremo un Catanzaro ferito e arrabbiato ma noi andremo lì per giocare una grande partita e per fare risultato. Sarà una gara nella quale dovremo dare più di quello che mettiamo di solito e nella quale faranno la differenza le motivazioni. Dovremo fare di necessità virtù ma bastano undici giocatori e sono convinto che la squadra che scenderà in campo sarà comunque competitiva».


Per il match odierno in programma allo stadio Ceravolo contro i giallorossi, ottavi a quota 8 punti assieme a Virtus Francavilla e Monopoli, sono diciassette i convocati rosanero. Boscaglia, alle prese con diverse defezioni, sembra intenzionato a dare continuità al lavoro svolto nei giorni scorsi dal vice Filippi e con ogni probabilità disegnerà lo scacchiere con il 4-2-3-1. Con Kanouté, Rauti e Valente sulla trequarti a supporto di Saraniti. In mediana i due posti in prima fila sono occupati da Broh e Odjer con Palazzi che, nonostante i recuperi dei convalescenti Accardi e Peretti, quasi certamente agirà come difensore centrale al fianco di Marconi, al rientro dopo un infortunio muscolare proprio come il centrocampista milanese. Le corsie esterne, in difesa, saranno presidiate da Almici e Crivello.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×