Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Guerra nel Caucaso, manifestazione in piazza
Gelarda: «Chiediamo attenzione delle autorità»

La comunità armena a Palermo, insieme ai giovani della Lega, ha organizzato una manifestazione pacifica in piazza Castelnuovo per richiamare l'attenzione della comunità internazionale su un conflitto scoppiato a settembre e di cui si conosce molto poco

Redazione

Un piccolo drappello di persone è sceso in piazza ieri sera in segno di solidarietà per le popolazioni del Caucaso e per sensibilizzare e chiedere il cessate il fuoco nella regione tra l'Armenia e l'Azerbaijan. La manifestazione è stata organizzata proprio dalla comunità Armena di Palermo, in collaborazione con unione Armeni d'italia e Lega giovani Palermo. 

«Vogliamo porre l’attenzione sulla situazione nel Caucaso e chiedere il sostegno degli italiani per raggiungere una soluzione diplomatica» dice Igor Gelarda, capogruppo della Lega a palazzo delle Aquile e primo firmatario dell’ordine del giorno, approvato due giorni fa in Consiglio, nel quale si chiede il cessate il fuoco immediato e il riconoscimento, da parte del governo italiano della repubblica Nagorno Karabakh. 

«Una cinquantina di manifestanti si sono riuniti pacificamente per richiamare l’attenzione sulla guerra scoppiata a fine settembre tra l’Azerbaigian, appoggiato dal regime di Erdogan e l’Armenia, che chiede il riconoscimento della repubblica di Artsakh (Nagorno Karabakh), popolata per oltre il 90 per cento da armeni. Una guerra che sta provocando centinaia di morti tra i civili di entrambe le nazioni e causando una catastrofe ambientale», continua Gelarda.

«Purtroppo fino ad oggi la comunità internazionale, tranne qualche rara eccezione, si è mossa poco. L’Armenia chiede il supporto della comunità internazionale per poter arrivare ad un cessate il fuoco e al riconoscimento della Repubblica di Artsakh, Nagorno Karabakh. Gli Azeri chiedono il rientro dei loro profughi. Ritengo importante la manifestazione di oggi come, il Caucaso è una regione che non trova pace e dove vivono milioni di cristiani, curdi compresi, spesso perseguitati. Noi vogliamo subito che si cessi questa guerra, che il popolo Armeno abbia diritto ad autoderteminarsi, e che finiscano le sofferenze di tutti i civili, Armeni e Azeri vittime di una ingiusta guerra».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×