Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Il tentato omicidio per una cena pagata con soldi falsi
«Com'è ca un t'a fidasti a ammazzallu? Non si buono»

Nelle intercettazioni che hanno portato al blitz Resilienza, che ha colpito la famiglia mafiosa di Borgo Vecchio, anche la soluzione a un tentato omicidio avvenuto alla Noce nel 2018, con il racconto della vittima e il disappunto degli autori per il fallito attentato

Gabriele Ruggieri

«Com'è ca un t'a fidasti a ammazzallu?» si meravigliano gli autori di un tentato omicidio emerso tra le pieghe dell'indagine Resilienza, che ha portato alla cattura di 18 persone accusate di fare parte della famiglia mafiosa di Borgo Vecchio e di altre due - Marcello D'India e Giovanni Bronzino - coinvolte in un atto violento proprio ai danni di uno dei presunti uomini d'onore al soldo del boss Angelo Monti: Giovanni Zimmardi, anche lui finito in manette stamattina, ritenuto uno degli addetti alla riscossione del pizzo. 

I fatti risalgono al 2018, il 12 dicembre. Zimmardi si era recato alla Noce per contestare a D'India e Bronzino l'onta di avere cenato in una trattoria di Borgo Vecchio e di avere poi pagato il conto con soldi falsi. L'uomo del Borgo parla all'interno della sua auto con Bronzino, una discussione tranquilla, stando alle parole della vittima, quando avviene l'aggressione a colpi di coltello. 

«'U capì chi mi cuminò Giuanni dintra a machina? Mi vulevanu fare, parrì» racconta Zimmardi ad Angelo Monti, «mi volevano fare», dice. «Sono scappato, ho corso, ho perso il borsello, ho preso coltellate nelle braccia, nelle mani». Monti ascolta e si limita a commentare: «Ora vediamo cosa fare, ora vediamo». Ma Zimmardi continua: «Mi hanno dato fuoco alla macchina, parrì, alla Noce. Eravamo tutti e due in macchina, tranquilli, poi quello è sceso, è salito e mi ha cominciato a dare pugnalate nel pettoIo mi paravu, ch'i manu, ch'i braccia, rapivu u purtiaddu e scappavu». 

L'auto di Zimmardi è stata poi ritrovata incendiata, dall'interno, proprio come racconta in un altro passo delle intercettazioni al padrino. E sempre nelle more delle intercettazioni c'è tutto il disappunto degli assalitori per il fallito attentato. «Com'è ca un t'a fidasti a ammazzallu?», com'è che non sei riuscito a ucciderlo? Chiedono a Giovanni Bronzino, che prontamente risponde: «Muore dissanguato». «Ma magari muore dissanguato». Un dissidio, quello che ha portato al tentato omicidio, che sarebbe stato poi risolto dai vertici della famiglia di Borgo Vecchio, tra cui lo stesso Monti, intervenuti per sistemare le cose.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×