Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo alla ricerca di certezze contro l'Avellino
Boscaglia: «Mi aspetto passi avanti, presto al top»

I rosanero, ancora in fase di rodaggio proprio come gli irpini, proveranno al Barbera contro un'altra squadra di prima fascia a dare continuità agli aspetti incoraggianti emersi mercoledì nella gara esterna con la Ternana. Si va verso la conferma del 3-5-1-1. In mediana out Palazzi, il neo-acquisto Luperini in campo dal primo minuto

Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Foto di: Antonio La Rosa

Come finirà Palermo-Avellino? Non abbiamo la sfera di cristallo ma una cosa è certa: se domani, in occasione della gara valida per la quarta giornata del girone C del campionato di serie C in programma alle ore 15 allo stadio Renzo Barbera, scenderanno in campo con la stessa rabbia mostrata dal tecnico Boscaglia venerdì pomeriggio durante l’allenamento al Pasqualino di Carini i rosanero avranno molte chance di conquistare l’intera posta in palio. Dipende dalla squadra, ovviamente, che dovrà essere brava a trasformare questo furore agonistico in energia positiva e a canalizzare gli input dell’allenatore, che ad un certo punto ha strigliato il gruppo con toni e parole piuttosto forti in merito all’atteggiamento da tenere in campo, nella giusta direzione. E’ chiaro che a prescindere dai buoni propositi dei rosanero, intenzionati a dare continuità agli aspetti positivi emersi mercoledì in occasione del pari a reti bianche ottenuto sul campo della Ternana, sul piatto della bilancia va messo anche il valore dell’avversario di turno. Come la formazione di Cristiano Lucarelli, infatti, anche l’Avellino è da considerare in questo girone una compagine di prima fascia. Pur essendo ancora in rodaggio proprio sulla falsariga del Palermo (gli irpini, finora, hanno giocato una sola partita – vinta a Viterbo con un gol realizzato nel recupero dal centrocampista palermitano D’Angelo – e hanno saltato quelle contro Turris e Bisceglie che saranno recuperate rispettivamente il 28 ottobre e il 18 novembre), con un mix di quantità e qualità l’undici guidato da un tecnico esperto come Braglia rispecchia perfettamente l'identikit della classica squadra di categoria. In grado di lasciare il segno e di rendere la vita difficile a qualsiasi avversario.

Ne è consapevole anche il Palermo. I rosa, che recupereranno giovedì 29 alle ore 15 il match casalingo con il Potenza non disputato lo scorso 4 ottobre, sono alla ricerca di certezze e, in termini pratici in relazione alla sfida di domani, del primo successo in campionato. «E’ vero che la conoscenza reciproca dei giocatori è ancora parziale e che la squadra deve superare la fase di rodaggio, anche se finale – ha spiegato Boscaglia – ma questo non deve farci perdere di vista l’obiettivo legato alla partita che è quello di giocare e fare tutto il possibile per vincere. Non perdere punti in questa prima fase del campionato può essere determinante». Il pareggio conquistato a Terni, in questo contesto, alimenta l’autostima del gruppo: «E’ un pari che spero abbia ricadute positive sui giocatori. Avere pareggiato su un campo difficile e contro una squadra molto forte dopo avere disputato peraltro una buona partita ci dà consapevolezza dei nostri mezzi e fiducia. Noi sappiamo cosa vogliamo e dove dobbiamo arrivare. Non siamo ancora al top ma presto ci arriveremo ed è anche per questo motivo che contro l’Avellino mi aspetto dei passi avanti».

Sono ventidue i convocati. Nell’elenco non figura il centrocampista Palazzi infortunatosi a Terni e costretto ad alzare bandiera bianca a causa di una distrazione muscolare di primo grado al semitendinoso della coscia destra. Ancora out, a proposito di indisponibilii terzini sinistri Crivello e Corrado, motivo per il quale (in aggiunta alla soddisfazione per i feedback ricevuti dal collettivo allo stadio Liberati) Boscaglia sembra intenzionato a confermare il modulo 3-5-1-1. Con qualche novità, tuttavia, rispetto alla formazione iniziale scesa in campo mercoledì pomeriggio. In difesa, ad esempio, con ogni probabilità Accardi e Peretti prenderanno il posto di Somma (da gestire dopo la gara disputata contro gli umbri al culmine di un periodo di inattività) e Marconi. A centrocampo, inoltre, c’è odore di titolarità per il neo-acquisto Luperini nella cerniera a tre completata da Odjer, in cabina di regia, e Broh. Il partner d’attacco di Rauti, infine, sarà Lucca, nettamente favorito in questa circostanza nei confronti di Saraniti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×