Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Palermo

Palermo, Broh si cala subito nel clima della serie C
«Dovremo essere pronti a fare la guerra contro tutti»

Il ventitreenne centrocampista che il club rosanero ha acquistato a titolo definitivo dal Sassuolo ha giocato in passato in terza serie e sa cosa serve per potersi imporre in questa categoria. Ecco il suo biglietto da visita: «Sono uno che ha gamba e qualità». Il presidente Mirri, intanto, chiede al governatore della Sicilia la riapertura del Barbera al pubblico

Antonio La Rosa

Foto di: Tuttomercatoweb

Foto di: Tuttomercatoweb

E’ un centrocampo totalmente diverso da quello della passata stagione in serie D. Con Martin che (a quanto pare) in questo momento parte dalle retrovie e con diversi volti nuovi. Uno degli effetti del vento del cambiamento che nelle scorse settimane ha investito la linea mediana del Palermo è l’arrivo di Jérémie Broh, italo-ivoriano di ventitré anni che il club rosanero ha acquistato a titolo definitivo dal Sassuolo: «Sono abituato a giocare più che altro in un centrocampo a tre ma posso esprimermi anche in una linea a due e anzi l’anno scorso una delle mie migliori partite l’ho disputata proprio con quest’ultima formula – ha ammesso in sede di presentazione alla stampa il neo-acquisto rosanero – mi ritengo un centrocampista con buona gamba e in grado di dare un contributo anche in termini di qualità. Giocatori ai quali mi ispiro? Ho diversi modelli come ad esempio Clarence Seedorf o il Pogba della Juventus che giocava da mezzala e che lasciava il segno con i suoi inserimenti. Una delle mie principali prerogative – ha aggiunto – è la progressione palla al piede, soprattutto sugli sviluppi delle ripartenze».


Broh, che ha firmato un contratto triennale e che a causa delle tempistiche legate al rispetto dei protocolli sanitari è arrivato nel capoluogo siciliano con qualche giorno di ritardo rispetto alla definizione della trattativa, negli ultimi due anni ha giocato in B (a Padova e a Cosenza) ma conosce anche la C avendola frequentata in precedenza con le maglie di Pordenone e Sudtirol. Motivo per cui sa che ricetta serve, in questa categoria, per preparare un piatto all’altezza delle aspettative: «Per fare bene e vincere servono assolutamente umiltà e fame. Conoscendo il blasone del Palermo i nostri avversari disputeranno contro di noi la partita della vita e noi dovremo essere pronti a fare la 'guerra'. Palermo occasione per dare slancio alla mia carriera? Quando è arrivata l’offerta l’ho presa subito in considerazione. Palermo è come Bari, si tratta di realtà molto importanti e per le quali non c’è bisogno di riflettere troppo. Si accettano senza esitazioni. Ho un ricordo legato al Palermo – prosegue – ero al Barbera con la maglia del Padova due anni fa e ricordo che lo stadio era una bolgia. Anche da avversario ho provato una bella emozione. Le mie condizioni? Non sono ancora al cento per cento ma sarà il mister a fare le sue valutazioni. Non sono partito per Teramo perché avevo bisogno di qualche giorno in più per la preparazione. Ho visto la partita e abbiamo perso contro una squadra che stava meglio fisicamente e che rispetto a noi aveva il ritmo partita. E’ arrivata una sconfitta ma niente allarmi».


Il Palermo, che sul fronte mercato ha ufficializzato anche l’acquisto in prestito annuale dal Torino dell’attaccante classe 2000 Nicola Rauti, si è rivolto nel frattempo al presidente della Regione, Nello Musumeci. Il presidente Dario Mirri ha scritto una lettera al governatore della Sicilia chiedendo «al fine di evitare distorsioni della concorrenza ed alterazioni delle competizioni» la riapertura del Barbera al pubblico per le prossime gare di campionato in numero proporzionato alla capienza dell’impianto. L’imprenditore palermitano, contestualmente, ha assicurato che dal punto di vista organizzativo verrebbero rispettate tutte le misure previste dai protocolli anti-Covid per garantire la disputa dell'evento in piena sicurezza. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Elezioni regionali 2017

Un gioco di incastri traballante: senza alleanze e candidature certe, a due mesi dal voto. La possibilità è che la campagna elettorale abbia gli stessi protagonisti di cinque anni fa: Giancarlo Cancelleri (M5s), unico candidato certo; l'uscente Rosario Crocetta, Nello Musumeci e forse anche Claudio ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×